Isole Covid-free in Italia: quali sono e quando riaprono

Laura Pellegrini

08/04/2021

08/04/2021 - 13:17

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Alcune isole italiane si preparano a diventare Covid-free grazie al piano del Governo che prevede una campagna di vaccinazione di massa. Ecco quali sono e quando riaprono.

Isole Covid-free in Italia: quali sono e quando riaprono

Creare isole Covid-free per far ripartire il turismo in sicurezza anche in Italia. Sul modello della Grecia, che ha già avviato un programma di vaccinazione per immunizzare isole minori e piccole comunità che sono rimaste per lo più libere dal coronavirus, anche il nostro Paese inizia a pensare a un piano per far ripartire l’economia e salvare l’estate.

Le prime isole italiane che hanno puntato a diventare Covid-free prima dell’estate sono Lampedusa e Linosa, insieme a quelle della Campania: Capri, Ischia e Procida. Ma il Governo punta anche ai gioielli di Ponza, Lipari, Pantelleria ed Elba, in modo da non lasciare indietro nessuno.

Ai sindaci interessati è già pervenuta la comunicazione dal Centro operativo interforze della Difesa: ecco quali sono le isole Covid-free in Italia e da quando potrà ripartire il turismo.

Isole Covid-free in Italia: quali sono?

Il commissario straordinario per l’emergenza, Francesco Figliuolo, ha avviato la strategia per introdurre delle isole Covid-free, su modello Grecia, anche in Italia, tramite la “pianificazione relativa alla predisposizione organizzativa per l’effettuazione della campagna vaccinale a favore della popolazione nelle isole minori”.

In altre parole, questa strategia si potrà adottare soltanto in quei territori che offrono la giusta garanzia di sicurezza, in termini di presidio medico adeguato e strutture sanitarie sufficienti. Si dovranno fornire al commissario Figliuolo informazioni relative al personale medico sanitario locale (inclusi medici di famiglia, pediatri, dentisti) e sulle procedure di gestione di emergenza sanitaria eventualmente esistenti.

L’iniziativa delle isole Covid-free ha preso il via in Campania, ma l’obiettivo del Governo è mettere in sicurezza tutte le isole minori svantaggiare e permettere ai lavoratori stagionali di riprendere l’attività in serenità. Per implementare questa iniziativa verrà sfruttato il siero vaccinale monodose di Johnson & Johnson.

Capri, insieme a Linosa e Lampedusa, potrebbe essere una delle prime isole ad acquisire il titolo Covid-free (già a fine aprile), grazie alla mossa preventiva della Campania. Ponza, Pantelleria e tutte le altre, invece, potrebbero raggiungere l’obiettivo entro giugno se rispetteranno i requisiti e svolgeranno una campagna vaccinale efficiente.

Linosa e Lampedusa: prime isole Covid-free

Linosa e Lampedusa saranno le prime isole italiane a diventare Covid-free. Ad annunciare l’obiettivo è il sindaco di Favignana, Michele Forgione. D’altronde, in entrambe le isole verrà avviata una campagna vaccinale di massa per tutta la popolazione over 18.

Se tutto procederà regolarmente, potremo affrontare la prossima estate con un ‘bollino di sicurezza’ importantissimo sia per la vita quotidiana dei nostri concittadini che per l’incentivo all’arrivo di turisti- ha spiegato il sindaco Martello -. Senza però dimenticare che la vaccinazione non esclude di per sé i rischi della pandemia. Sarà dunque necessario continuare ad osservare le disposizioni sanitarie e le norme di sicurezza, e prevedere regole specifiche per chi arriverà nelle nostre isole”.

È stata addirittura la CNN a far notare il curioso caso di Linosa, nell’arcipelago delle Pelagie, in Sicilia, che è finora riuscita a sfuggire alla pandemia di coronavirus.

Zero casi e atteggiamenti dei pochi abitanti - appena 433 (ma solo 200 sono i residenti) - prudenti ma in grossa parte diversi rispetto a quelli della città, considerati soprattutto spazi e caratteristiche del territorio, che non ha nessuna vera e propria piazza e dove i negozi e le attività si contano sulle dita di una mano.

Nel suo reportage pubblicato circa un mese fa, la CNN parla di acqua che “funge da barriera naturale proteggendo gli abitanti”, e ne intervista persino alcuni telefonicamente, notando come i timori del virus non manchino affatto.

Malgrado la distanza da città e territori dove il virus circola senza sosta sia palese, ognuno dei linosani intervistati ha dichiarato che il coronavirus ha avuto un impatto enorme sulla propria vita.

Nessun dubbio che la posizione geografica di Linosa abbia finora contribuito a mantenere l’isola al sicuro, ma i suoi abitanti continuano a temere che il virus possa trovare la sua strada e attaccare anche quello che ad oggi sembra un sicuro rifugio.

“Qui tutti sono molto diffidenti nei confronti degli estranei e protettivi della sicurezza. Da quando Linosa è emersa come isola Covid-free, ogni volta che arriva un traghetto gli abitanti si riuniscono al porto per esaminare chi sbarca e scrutare i volti delle persone, per cercare di capire se c’è il rischio che possano portare il virus”,

ha raccontato uno degli abitanti alla CNN.

Quando riparte il turismo in Italia

Il ministro per il Turismo, Massimo Garavaglia, ha ipotizzato la riapertura degli hotel ai turisti fuori Regione già dalla metà del mese di maggio: se così fosse, alcune isole potrebbero non essere ancora pronte per accogliere i turisti e si renderebbe necessario un tamponamento della situazione.

Garavaglia elogia l’idea del presidente sardo Solinas, che con un’ordinanza ha previsto l’introduzione di un passaporto sanitario. Per entrare sull’isola, quindi, è previsto lo svolgimento di test rapidi negli scali aeroportuali, l’obbligo di quarantena all’arrivo, la presentazione del certificato vaccinale o dell’effettuazione di un tampone negativo prima della partenza. Idea che potrebbe essere replicata anche nelle altre località di villeggiatura italiane.

Isole Covid-free in Europa: quali sono

Grazie alla campagna vaccinale, si inizia a intravedere una luce in fondo al tunnel: gli italiani hanno riacquistato la speranza e puntano all’estate per potersi godere le meritate vacanze.

Nonostante le attuali restrizioni, infatti, già durante il periodo pasquale è stato registrato un boom di partenze negli aeroporti per l’estero, nonostante le regole fissate dal ministero della Salute in merito a tampone e mini quarantena.

In estate, grazie al progetto delle isole Covid-free, viaggiare potrebbe essere più facile e sicuro. In Europa sono due le nazioni che hanno deciso di adottare questa strategia: la Grecia, che è stata la prima, e la Spagna.

In Grecia prosegue la campagna vaccinale per raggiungere l’obiettivo: sono almeno 69 le isole dell’Arcipelago dell’Egeo che puntano a diventare Covid-free, ovvero a vaccinare tutti gli abitanti entro la fine del mese di aprile.

Nella lista delle isole che puntano a diventare Covid-free ci sono sicuramente le Canarie e le Baleari. Ad oggi, per entrare in Spagna non è previsto alcun periodo di quarantena per i turisti in arrivo dall’Italia, ma è necessario effettuare un test molecolare nelle 72 ore precedenti all’arrivo.

Argomenti

# Italia

Iscriviti alla newsletter

Money Stories