L’anti-Coronavirus di Gilead scalda i mercati, futures a Wall Street sugli scudi

Il farmaco sperimentale Remdesivir potrebbe rappresentare una cura efficace per contrastare il Coronavirus.

L'anti-Coronavirus di Gilead scalda i mercati, futures a Wall Street sugli scudi

Se ieri i listini hanno beneficiato dei dati relativi il contenimento dell’infezione da Coronavirus, la pandemia potrebbe aver raggiunto i livelli di plateau in diversi Paesi (dai numeri emerge come potremmo essere nella fase che anticipa l’inizio della discesa), oggi gli acquisti sui listini mondiali sono dettati da un importante passo in avanti nella lotta al Coronavirus.

A Tokyo il rialzo ha superato i tre punti percentuali, l’Euro Stoxx 50 avanza del 3,14% e a Piazza Affari il Ftse Mib segna un +2,01%. Indicazioni simili arrivano dai future sui principali indici di Wall Street: il derivato sul Dow Jones guadagna il 2,88%, quello sullo S&P500 il 2,65% ed il contratto sul Nasdaq segna un 1,99%.

Come detto, sono le indicazioni in arrivo dal fronte Coronavirus a spingere gli acquisti sui listini mondiali e, in particolare, quella arrivata nella notte dagli Stati Uniti, dove i ricercatori dell’Università di Chicago hanno rilevato “rapide guarigioni” nei pazienti trattati con un farmaco sperimentale, il “Remdesivir”.

Coronavirus: trovata la cura?

Nello specifico, il farmaco sperimentale per la lotta al Coronavirus che sta scaldando i listini azionari mondiali è il Remdesivir, messo a punto dalla società biotech americana Gilead Sciences.

E le azioni Gilead Sciences, quotate sul Nasdaq, ringraziano: dopo il +2,56% messo a segno ieri, il titolo della società con sede a Foster City, California, nel pre-mercato segna un rialzo superiore ai 13 punti percentuali.

Remdesivir: rapide guarigioni in pazienti con Coronavirus

I ricercatori di Chicago hanno detto di aver visto «rapide guarigioni» in 125 pazienti affetti da Coronavirus che assumevano il Remdesivir nell’ambito di una sperimentazione clinica.

Nonostante quelli riportati da Stat News siano dati preliminari, che quindi necessitano di essere approfonditi, si tratta di risultati che sono stati accolti con favore dalla comunità scientifica (e quindi dagli investitori).

I pazienti trattati con il Remdesivir sono stati dimessi nel giro di una settimana e solo due persone sono decedute. “La notizia migliore è rappresentata dal fatto che la maggior parte dei nostri pazienti è già stata dimessa, e questo è fantastico. Solo due pazienti sono deceduti”, ha detto Kathleen Mullane dell’Università di Chicago.

Subito dopo l’avvio della terapia con il Remdesivir, ha evidenziato Mullane, diversi pazienti hanno registrato un rapido calo della febbre, altri hanno abbandonato la ventilazione assistita già il giorno seguente e la maggior parte non hanno avuto bisogno di seguire il normale decorso, fissato a 10 giorni.

Remdesivir: un miliardo di richieste per Gilead Sciences?

Vista la gravità della situazione, gli Stati Uniti contano oltre 670 mila contagiati e 33 mila morti (uno su tre nell’area di New York), la statunitense FDA (Food and Drug Administration) ha già fatto sapere che eventuali trattamenti per contrastare il Coronavirus potrebbero essere approvati con tempistiche da record.

Secondo le stime formulate dagli esperti, un eventuale cura per il Coronavirus potrebbe ricevere richieste per oltre 1 miliardo di dollari l’anno.

“Al momento –ha commentato Jim Tierney, Chief investment officer di AllianceBernstein- la miglior soluzione è rappresentata dalla combinazione di tempo e di isolamento ma, se veramente dovesse essere trovato un vaccino, o un trattamento, sarebbe una gran cosa. Il mondo ha bisogno di una soluzione e non vuole restare nella situazione attuale”.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories