Figlio nato nel 2021: quali bonus si posso richiedere, facciamo chiarezza

Antonio Cosenza

7 Aprile 2021 - 09:09

condividi

L’arrivo dell’assegno unico rimette in discussione tutti i bonus famiglia oggi in vigore: quali si possono certamente richiedere per il figlio nato nel 2021?

Figlio nato nel 2021: quali bonus si posso richiedere, facciamo chiarezza

Capire quali bonus si possono richiedere per il figlio nato nel 2021 può essere molto complicato quest’anno: in programma, infatti, c’è la riforma dei contributi familiari che - a partire dal 1° luglio prossimo - porterà all’erogazione del nuovo assegno unico per i figli.

Uno strumento che, nei programmi del Governo, dovrà sostituire tutti gli attuali bonus famiglia, dal bonus bebé agli assegni familiari. Le fasi di questa transizione, però, sono ancora tutte da definire: resta da capire, infatti, quando ci sarà l’assorbimento totale di tutti i bonus famiglia nell’assegno unico e fino a quando si potrà fare richiesta per quelli ancora oggi in vigore.

Non è chiaro, ad esempio, se dal 1° luglio si potrà ancora fare domanda per gli assegni al nucleo familiare per i nati nel 2021, né tantomeno se si potrà godere - nella dichiarazione dei redditi del prossimo anno - delle detrazioni per figlio a carico.

Per il momento, quindi, concentriamoci sui bonus che - indipendentemente dall’introduzione dell’assegno unico - sono stati confermati per tutto il 2021.

Bonus famiglia: quali si possono richiedere per i figli nati nel 2021

Come prima cosa è bene sottolineare che i seguenti bonus si possono sì richiedere per i figli nati nel 2021, ma anche per le adozioni effettuate entro il 31 dicembre prossimo.

Nel dettaglio, con la Legge di Bilancio 2021 sono stati confermati due importanti bonus riconosciuti a chi diventa genitore.

Il primo è il premio alla nascita, conosciuto anche come bonus mamma domani. Nelle intenzioni del legislatore, questo bonus prima o poi verrà assorbito dall’assegno unico, ma per il momento lo potranno sicuramente richiedere coloro che - entro il 31 dicembre 2021 - si troveranno in una delle seguenti situazioni:

  • compimento del settimo mese di gravidanza;
  • parto, anche se antecedente all’inizio dell’ottavo mese di gravidanza;
  • adozione nazionale o internazionale del minore, disposta con sentenza divenuta definitiva ai sensi della legge 4 maggio 1983, n. 184;
  • affidamento preadottivo nazionale disposto con ordinanza ai sensi dell’art. 22, c. 6, l. 184/1983 o affidamento preadottivo internazionale ai sensi dell’art. 34, l. 184/1983.

In tal caso, e indipendentemente dall’Isee, la famiglia ha diritto ad un bonus del valore di 800,00€ pagato in un’unica soluzione.

Il secondo bonus certamente confermato per tutto il 2021 è l’assegno di natalità Inps, conosciuto meglio come bonus bebé. Per questo strumento vale quanto detto in precedenza: presto dovrebbe essere cancellato per far spazio all’assegno unico, ma di certo queste due misure continueranno a coesistere almeno per tutto il 2021.

Per i nati entro quest’anno, o comunque per le adozioni effettuate entro il 31 dicembre 2021, viene riconosciuto per dodici mensilità un assegno di importo variabile a seconda dell’Isee:

  • Isee non superiore a 7.000,00€ annui: 160,00€ al mese per il primo figlio, 192,00€ per i figli successivo al primo (maggiorazione del 20%);
  • Isee superiore a 7.000,00€ ma inferiore a 40.000,00€: 120,00€ al mese per il primo figlio, 144,00€ per i figli successivi al primo;
  • Isee superiore a 40.000,00€: 80,00€ per il primo figlio, 96,00€ per i figli successivi al primo.

Confermata per il momento anche la possibilità di richiedere gli assegni familiari erogati dal Comune (ma con le risorse stanziate dall’Inps) per le famiglie che hanno almeno tre figli. Il cosiddetto bonus terzo figlio potrà essere richiesto - salvo modifiche dell’ultima ora - da tutte le famiglie a cui nel 2021 è nato il terzo figlio (purché siano tutti e tre minorenni). Gli importi sono gli stessi di quelli riconosciuti lo scorso anno: 348,12€ per chi ha un Isee inferiore a 8.788,99€, 154,14€ per chi ha un Isee superiore a 8.788,99€ ma comunque inferiore a 17.416,66€.

A questi tre bonus, ovviamente, dal 1° luglio si aggiungerà anche l’assegno unico, per il quale - però - mancano ancora i criteri per il calcolo dell’importo.

Iscriviti a Money.it