Eurozona: quali segnali dagli ultimi dati economici?

Violetta Silvestri

29 Gennaio 2021 - 12:19

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Eurozona: cosa rivelano gli ultimi dati economici sui Paesi della regione? Sarà ripresa o recessione nel 2021?

Eurozona: quali segnali dagli ultimi dati economici?

Eurozona: quali segnali dagli ultimi dati economici dei Paesi della regione?

Le rilevazioni su PIL, prezzi alla produzione, inflazione, disoccupazione offrono spunti di analisi per tracciare il prossimo futuro dell’area. Sarà scongiurata la recessione?

Sebbene i dati segnalino che l’industria sta riuscendo a far fronte alle restrizioni, le prospettive rimangono cupe. La diffusione di ceppi virali più infettivi e l’implementazione di una vaccinazione lenta e caotica nell’Unione europea aumentano il rischio di frenate più lunghe del previsto e una maggiore necessità di stimoli.

Il presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha già promesso di rafforzare il sostegno, se necessario. Per ora, però, il membro del Consiglio direttivo Gabriel Makhlouf ha affermato che non è necessario tagliare i tassi di interesse.

Cosa raccontano, quindi, gli ultimi aggiornamenti economici dell’Eurozona?

Eurozona: cosa dicono gli ultimi dati economici?

Le rilevazioni macroeconomiche della settimana offrono spunto di analisi per capire quale sarà il prossimo futuro dell’Eurozona. E, soprattutto, dare indicazioni su recessione e ripresa.

Il prodotto interno lordo in Spagna è aumentato inaspettatamente dello 0,4%, sfidando le aspettative di un calo dell’1,4%. A sorpresa, anche la Germania ha registrato una crescita, mentre la produzione in Francia è scesa meno del previsto dopo che la spesa per consumi è rimbalzata bruscamente a dicembre.

L’economia tedesca è cresciuta dello 0,1% nel quarto trimestre, sostenuta dalle esportazioni e dalle costruzioni. I risultati sono stati inaspettati dopo che l’ufficio di statistica ha suggerito due settimane fa la produzione stagnante alla fine dello scorso anno e un recente rapporto del ministero dell’Economia ha mostrato una stima di contrazione.

Sul fronte lavoro, la disoccupazione tedesca è scesa inaspettatamente di 41.000 a gennaio, segnando il settimo calo consecutivo. Il mercato del lavoro sta beneficiando di un generoso sostegno salariale statale, che ha impedito i licenziamenti.

Anche la forte attenzione del Paese all’industria è stata un vantaggio in quanto molte fabbriche, a differenza dei piccoli fornitori di servizi, sono rimaste aperte durante il blocco. Il tasso di disoccupazione è rimasto al 6%.

Il tasso di inflazione della Spagna è balzato inaspettatamente allo 0,6% dal -0,6%, sostenuto da un’impennata dei prezzi dell’energia e da cibi e bevande più costosi. Anche i prezzi tedeschi sono aumentati.

Nel Paese iberico, la crescita di fine anno scorso è stata trainata da un forte aumento dei consumi delle famiglie. Sebbene sia una buona notizia, lascia ancora la produzione in calo dell’11% per l’intero anno. Ciò rende la Spagna una delle nazioni più colpite in Europa. L’enorme importanza del turismo per l’economia e le dimensioni relativamente ridotte delle aziende rispetto ad altri coetanei europei ha reso lo Stato particolarmente vulnerabile alle restrizioni di viaggio e alla chiusura dei negozi.

L’economia austriaca ha subito una contrazione del 4,3% nell’ultimo trimestre, dopo che l’aumento delle infezioni ha costretto la nazione a un secondo blocco. I consumi privati ​​sono crollati a un tasso quasi doppio, con il turismo, il commercio e il tempo libero che hanno pesato sui risultati.

In Francia le pressioni sui prezzi sono rimaste deboli nell’industria alla fine dell’anno, confermando le preoccupazioni per la bassa inflazione. I prezzi alla produzione francesi a dicembre sono diminuiti dell’1,2% su base annua, con cali particolarmente forti per i manufatti e la produzione di coke e raffinazione.

Con le restrizioni in atto per gran parte del quarto trimestre, i consumi sono scesi del 5,4%. Tuttavia, gli investimenti delle imprese hanno continuato a crescere, aumentando dell’1,5% dopo un +21% nei tre mesi precedenti. Le esportazioni sono aumentate del 4,8%. La contrazione minore del previsto alla fine del 2020 significa che il PIL per l’intero anno è sceso dell’8,3%.

Le autorità stanno valutando di inasprire ulteriormente le restrizioni, anche se il ministro delle Finanze ha frenato su questo orientamento, che potrebbe significare non centrare la previsione di crescita del 6% nel 2021.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories