Elezioni Emilia Romagna: per chi voteranno i vip?

Elezioni in Emilia Romagna: anche i vip dello sport e dello spettacolo si schierano a favore della Borgonzoni e di Bonaccini. La sfida per le regionali si fa sempre più accesa, chiamando in causa gli stessi personaggi famosi

Elezioni Emilia Romagna: per chi voteranno i vip?

I vip dello sport e dello spettacolo escono allo scoperto sulle elezioni regionali in Emilia Romagna.

A sottolineare l’importanza del voto di domenica 26 gennaio, dal quale si attendono ripercussioni sugli equilibri interni dello stesso Governo giallo-rosso, ci sono proprio le dichiarazioni di diversi personaggi noti del mondo sportivo e dello spettacolo sul sostegno all’uno o all’altro candidato.

Lucia Borgonzoni, appoggiata con grande partecipazione da Matteo Salvini e dal centro-destra e Stefano Bonaccini, in corsa come Presidente regionale del PD e di altri partiti di orientamento di centro-sinistra, stanno incassando il sostegno di importanti personalità famose, piuttosto popolari tra gli stessi elettori.

La sfida per amministrare l’Emilia Romagna è diventata cruciale per comprendere come si evolverà tutto il panorama politico nazionale, oltre a rappresentare una tappa significativa per il futuro dell’esecutivo.

Ecco perchè, quindi, i messaggi elettorali dei vip, a favore dell’uno o dell’altro candidato sono rilevanti e potrebbero influenzare gli indecisi in questo voto così delicato.

Elezioni Emilia Romagna: ecco i vip schierati per la Borgonzoni

A schierarsi apertamente con la candidata Lucia Borgonzoni è stato l’allenatore del Bologna, Sinisa Mihajlovic, che ha chiaramente espresso il suo appoggio a Matteo Salvini, esortando tifosi ed elettori a fidarsi di lui e del programma per la regione proposto dalla coalizione del centro-destra.

Leggi anche: i programmi a confronto dei candidati alle regionali Emilia Romagna

Ancora prima dell’ex calciatore, il leader della Lega e la sua candidata hanno trovato l’esplicito appoggio da parte dell’attrice Serena Grandi.

Nella sua dichiarazione è emersa anche la volontà di volersi impegnare in politica, a sostegno naturalmente del partito di centro-destra, tanto che aveva anche riflettuto sulla proposta della Borgonzoni di candidarsi in una lista civica nelle regionali emiliane. La decisione, poi, è stata negativa.

Regionali Emilia Romagna e personaggi famosi: chi voterà Bonaccini

La sfida tra i due candidati per le elezioni regionali emiliane è molto accesa anche tra i vip. Non mancano, infatti, dichiarazioni esplicite di sostegno per il candidato PD Stefano Bonaccini.

Dal mondo dello sport, spiccano le affermazioni a favore del presidente democratico di Ivan Zaytsev, campione della pallavolo e Julio Velasco, allenatore storico di questo stesso sport molto seguito in Emilia Romagna.

Anche Renzo Ulivieri, che ha allenato il Bologna ed è rimasto nei ricordi dei tifosi di calcio della città, ha voluto dire la sua sulle prossime elezioni, rispondendo soprattutto all’invito di voto di Mihajlovic ed esortando i cittadini a non dargli retta. Il suo appoggio, infatti, va in modo convinto a Bonaccini.

Altra voce chiara a favore di Bonaccini, anzi, contro Salvini, la sua candidata e la sua politica è quella dell’attore romagnolo Ivano Marescotti. Elettore storicamente di sinistra, poi passato al Movimento 5 Stelle e ora deluso dagli stessi pentastellati, l’attore ha esortato gli elettori ad andare a votare alle regionali contro Salvini e la Lega, “uno dei peggiori partiti neofascisti e razzisti”.

Il candidato di centro-sinistra ha trovato l’appoggio anche dello chef Massimo Bottura e del cantante emiliano doc Francesco Guccini.

Da segnalare, in questa battaglia così accesa per amministrare la storica regione rossa, le ultime dichiarazioni social di Fedez e le parole di Fabio Volo contro il gesto plateale di Salvini di suonare al citofono di presunti spacciatori tunisini durante la sua campagna elettorale pro-Bergonzoni.

Pif, invece, ha espresso simpatia verso il movimento delle Sardine, partecipando anche all’ultima manifestazione bolognese. Il suo orientamento, probabilmente, è contro la politica salviniana.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories