Elezioni 2018 CasaPound: i risultati e il programma elettorale del voto del 4 marzo

Il programma elettorale di CasaPound per le elezioni politiche: ecco tutte le proposte presentate e i risultati ottenuti al voto del 4 marzo.

CasaPound si è presentato alle elezioni politiche del 4 marzo con un programma elettorale che è stato presentato dal candidato premier Simone Di Stefano. Dal Reddito Nazionale di Natalità fino all’uscita dall’Euro e dalla UE, sono tanti i temi che stanno a cuore ai “fascisti del terzo millennio”.

Dopo i buoni risultati ottenuti alle elezioni amministrative dello scorso giugno e a quelle più recenti di Ostia, CasaPound con un programma ben chiaro ha provato l’assalto alla soglia di sbarramento, rimanendo però fuori dal Parlamento.

Il programma elettorale di CasaPound

È stato il candidato premier Simone Di Stefano a presentare prima del voto il programma di ufficiale di CasaPound. Sintetizzando le diverse proposte, il testo completo lo potrete trovare nell’allegato in calce, abbiamo realizzato un elenco che riassume tutti i punti programmatici pensati per il nostro paese.

  • Ripristino sovranità nazionale
  • Sostegno imprese e famiglie italiane
  • Uscita dall’Euro e dall’Unione Europea
  • Creazione di una nuova moneta sovrana in Italia
  • Nazionalizzazione della Banca d’Italia e della Cassa Depositi e Prestiti
  • Separazione tra Banche commerciali e quelle di investimento
  • Salvaguardia e sviluppo di aziende e settori industriali di interesse strategico nazionale creando una capogruppo pubblica sul modello dell’IRI
  • Cancellazione del pareggio di bilancio in Costituzione
  • Blocco immigrazione clandestina
  • Intervento di pacificazione e stabilizzazione in Libia
  • Limiti agli immigrati regolari
  • No allo ius soli
  • Revoca della cittadinanza in caso di gravi reati (terrorismo, omicidio, stupro)
  • Reddito Nazionale di Natalità
  • Mutuo Sociale
Programma CasaPound elezioni 2018
Clicca qui per il programma completo di CasaPound

Oltre al Mutuo Sociale che si può dire sia un vecchio cavallo di battaglia di CasaPound, è molto interessante approfondire il Reddito Nazionale di Natalità. Si tratterebbe di un assegno mensile da 500 euro per ogni figlio da 0 ai 16 anni. Per poter ricevere il bonus però il figlio deve essere italiano e nato da un genitore anche lui nato in Italia.

Un programma elettorale questo che aveva come tema di sicuro maggiore impatto l’uscita dell’Italia non solo dalla moneta unica ma anche dall’Unione. Una sorta di Italiexit evocata anche da altri partiti, anche se a riguardo quella di CasaPound sembrerebbe essere la posizione più netta.

I risultati

C’era grande curiosità e attesa per conoscere quale sarebbe stato il risultato di CasaPound alle elezioni politiche del 4 marzo. Dopo l’exploit al voto del X Municipio di Ostia ma anche alle amministrative di Lucca, questo partito di destra può essere considerato ormai una realtà del panorama politico nostrano.

Anche all’interno del movimento le aspettative erano maggiori rispetto agli anni passati. Nel 2013 infatti CasaPound si presentò da solo al voto, ottenendo lo 0,14% dei consensi pari a 48.000 voti.

Così come cinque anni fa è stato sempre Simone Di Stefano il candidato premier. Rispetto al 2013 le ambizioni della vigilia erano differenti, con l’obiettivo dichiarato che era quello di superare la soglia di sbarramento del 3% ed entrare così in Parlamento.

I risultati invece sono stati minori delle aspettative. Alle politiche CasaPound alla Camera ha preso lo 0.95%, pari a 312.000 voti. Alle elezioni regionali nel Lazio invece il candidato Mauro Antonini si è fermato all’1.94%, ottenendo 60.000 preferenze.

Un notevole passo avanti nei consensi comunque c’è stato: a livello nazionale, il movimento ha sestuplicato i voti presi nel 2013. La crescita quindi c’è stata anche se non come si aspettavano i vertici di CasaPound. La battaglia politica di Di Stefano e i suoi comunque va avanti e già si pensa alle elezioni amministrative di giugno.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories