Ecco cosa prevede Wall Street sui tassi di interesse a settembre

Violetta Silvestri

1 Agosto 2023 - 15:27

condividi

Cosa farà la Fed a settembre? Le previsioni si stanno già diffondendo: ecco cosa prevedono a Wall Street sui tassi di interesse: aumento o pausa in arrivo?

Ecco cosa prevede Wall Street sui tassi di interesse a settembre

Sarà l’argomento estivo anche per gli analisti di Wall Street: cosa farà la Fed a settembre con i tassi di interesse?

Alla domanda hanno provato a rispondere gli esperti, tenendo conto di quanto deciso dalla Federal Reserve a luglio, dei dati economici sulla prima potenza mondiale, delle previsioni su recessione, inflazione, ripresa.

Nello specifico, il presidente Jerome Powell ha lasciato la porta aperta a un altro rialzo dei tassi di interesse, ma gli economisti di Wall Street vedono i segnali che puntano in una direzione in vista della riunione di settembre della banca centrale: una pausa.

Tassi di interesse in pausa a settembre: le previsioni

Nei giorni scorsi alcuni politici del board hanno affermato di essere in attesa dei dati in arrivo per orientarsi o meno sull’opportunità di aumentare i tassi alla prossima riunione di settembre.

Gli ultimi rapporti sull’inflazione sorprendentemente miti, i segnali di moderazione della spesa dei consumatori e le prove di una diminuzione delle pressioni salariali hanno suggerito che c’è poca urgenza di alzare ancora il costo del denaro.

Ulteriori letture dell’inflazione prima della riunione della Fed del 19-20 settembre, così come i venti contrari incombenti, tra cui la ripresa dei pagamenti dei prestiti agli studenti, daranno motivi in ​​più per sospendere gli aumenti dei tassi, anche se temporaneamente, affermano gli economisti. I mercati scontano circa una probabilità su cinque di un rialzo a settembre.

“Sospetto che i dati saranno sufficientemente blandi da incontrare l’approvazione della Fed”, ha detto Douglas Porter, capo economista di Bank of Montreal. “La nostra visione centrale è che la Fed abbia fatto abbastanza, con i tassi a breve termine ora solidamente in terreno reale positivo, l’inflazione core che inizia a scendere e il mercato del lavoro che si indebolisce ai margini”, ha aggiunto.

I prezzi al consumo, esclusi cibo ed energia, dovrebbero aumentare solo dello 0,2% a luglio e agosto, stima Omair Sharif, presidente e fondatore di Inflation Insights, che definisce questa come “l’estate della disinflazione”.

Simile ottimismo economico da Anna Wong, capo economista statunitense per Bloomberg:

“Una crescita salariale più morbida assicura ai funzionari della Fed che il mercato del lavoro si sta allentando, qualcosa che il presidente della Fed Jerome Powell ha descritto come una condizione necessaria per i continui progressi sulla disinflazione. Questa lettura - insieme a un rapporto separato che mostrava l’inflazione PCE core in crescita a un ritmo coerente con l’obiettivo del 2% della Fed - rafforza la nostra opinione che il FOMC manterrà i tassi stabili alla riunione di settembre.”

Entro settembre, secondo Sharif, è probabile che il FOMC riduca la sua stima per il 2023 per l’inflazione core al 3,6% o 3,7% dal 3,9% di giugno. Con questo tipo di aggiustamento, i funzionari della Fed che affermano di essere dipendenti dai dati potrebbero avere difficoltà a spiegare qualsiasi rialzo a breve termine.

Cosa farà la Federal Reserve: guai in vista per l’economia Usa?

Powell ha affermato che l’economia può rallentare fino a un atterraggio morbido, in cui l’inflazione ritorna all’obiettivo del 2% senza recessione o gravi danni al mercato del lavoro. Eppure ci sono minacce in vista per le prospettive di crescita che potrebbero, a margine, incoraggiare cautela riguardo a ulteriori aumenti a breve termine.

La Fed potrebbe essere riluttante in vista della ripresa di ottobre dei pagamenti dei prestiti agli studenti, che secondo gli economisti del PNC Financial Services Group saranno in media da $350 a $400 al mese per quasi 27 milioni di mutuatari e saranno leggermente negativi per la spesa dei consumatori.

Anche con una pausa di settembre, Powell e il FOMC potrebbero voler mantenere aperte le loro opzioni per le riunioni di novembre e dicembre e saranno cauti nel dichiarare prematuramente la vittoria sull’inflazione.

“La Fed non sta basando le proprie azioni sulle previsioni, dato che si sono sbagliate prima”, ha affermato Rubeela Farooqi, capo economista statunitense presso High Frequency Economics. “Vogliono conferme dai dati”.

L’inflazione ha sorpreso al rialzo per gran parte del 2021 e del 2022 e Powell ha avvertito che il processo di riduzione delle pressioni sui prezzi sarà irregolare.

“Voglio sottolineare che questo processo di miglioramento non sarà così lineare come tutti vorranno” ha allertato Tom Porcelli, capo economista statunitense di PGIM Fixed Income. “L’inflazione sta iniziando il processo di rallentamento. Questo può essere accidentato. Ma la tendenza generale sarà chiara entro la fine dell’anno”.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Correlato