Alla fine è stato deciso il price cap dell’UE per il petrolio russo. Quanto farà male alla Russia?

Lorenzo Bagnato

2 Dicembre 2022 - 14:49

condividi

Ci sono voluti mesi per concordare se stabilire un prezzo massimo al petrolio russo, e poi settimane per definire l’importo preciso. La trattativa, però, sembra conclusa.

Alla fine è stato deciso il price cap dell'UE per il petrolio russo. Quanto farà male alla Russia?

I lunghi negoziati potrebbero volgere al termine, poiché tutti i membri dell’UE stanno finalmente approvando una proposta di $60 al barile come prezzo massimo per il petrolio russo. Venerdì è il termine ultimo per i membri per dare la loro benedizione. La proposta include anche una misura che blocca in qualsiasi momento il price cap al 5% al di sotto del prezzo di mercato.

In origine, un accordo avrebbe dovuto essere raggiunto già la scorsa settimana, ma non è stato possibile trovare un accordo. La proposta iniziale era di circa $65-70 al barile, ma i Paesi dell’Europa orientale ritenevano che fosse troppo bassa. In particolare, Polonia ed Estonia erano irremovibili sul fatto che un tetto massimo di prezzo così elevato avrebbe giovato solo alla Russia in quanto avrebbe mantenuto il loro flusso di entrate.

Allo stesso tempo, però, gli Stati Uniti hanno avvertito l’Europa di non fissare un price cap troppo basso, altrimenti i mercati globali avrebbero reagito male. 60 dollari al barile sembrano il compromesso che sono riusciti a raggiungere.

Al momento, il greggio russo viene venduto a circa $70 al barile, mentre il Brent si trova a $ 88. Il Brent è un benchmark internazionale che indica il prezzo medio di mercato di un barile di petrolio. Durante i negoziati, si temeva che un prezzo massimo flessibile troppo vicino al Brent avrebbe giovato alla Russia piuttosto che danneggiarla.

Il limite di prezzo dovrebbe essere applicato dal 5 dicembre. La prossima settimana dovrebbero iniziare i negoziati per implementare un prezzo massimo anche sul gas russo.

Il prezzo massimo del petrolio funzionerà

Non è ancora chiaro quali saranno gli esatti effetti di un prezzo massimo del petrolio. La Russia sarà ancora in grado di vendere petrolio, anche se a un prezzo molto più basso e forse dannoso. Mosca finanzia la guerra in Ucraina principalmente attraverso la vendita di combustibili fossili, ecco perché questo potrebbe davvero danneggiarli.

La vera domanda, tuttavia, è cosa farà la Cina. All’inizio della guerra, Putin sapeva perfettamente che le relazioni economiche con l’Europa sarebbero state bruscamente bloccate. La sua scommessa era che Cina e India avrebbero compensato il mercato europeo.

In effetti, entrambi i Paesi continuano ad acquistare petrolio e gas dalla Russia. Immediatamente, però, si è presentato un problema: alla Russia mancavano le infrastrutture per inviare combustibili fossili in Cina e in India. Mentre l’Europa era molto ben collegata attraverso una rete di oleodotti, il commercio asiatico era seriamente sottosviluppato.

Inoltre, la Cina non era un alleato affidabile. In realtà ha smesso di comprare petrolio dalla Russia, aspettando di vedere quale sarebbe stato il prezzo massimo. Pechino era disposta ad aspettare e vedere chi sarebbe stato il miglior offerente, minando qualsiasi facciata di «alleanza» che aveva con la Russia.

L’India, da parte sua, sta riempiendo le proprie riserve di petrolio russo prima che il price cap entri in vigore. Non è ancora chiaro se continueranno ad acquistarlo in seguito.

Vladimir Putin avrebbe potuto perdere la scommessa, ma la Cina può sempre cambiare idea e tornare indietro. Perdere il mercato europeo, però, è comunque un duro colpo per Mosca, soprattutto per finanziare una costosa guerra.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2022-12-01 18:33:55. Titolo originale: EU Price Cap on Russian oil finally decided. How much will it hurt Russia?

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.