Coronavirus, solo una Regione italiana è sicura secondo la Germania: ecco qual è

Tutta l’Italia è stata dichiarata una zona a rischio dal Robert Koch Institut ad eccezione di una Regione. Ecco qual è

Coronavirus, solo una Regione italiana è sicura secondo la Germania: ecco qual è

Tutta l’Italia è stata dichiarata “Zona Rossa” dalla Germania con la sola eccezione di una Regione: la Calabria. A stabilirlo è stato il Robert Koch Institut (Rki), un noto centro epidemiologico tedesco che segue lo sviluppo del coronavirus in tutta Europa. Il RKI ha redatto una lista dei Paesi maggiormente a rischio in cui la diffusione del Sars-CoV-2 è fuori controllo con un indice di diffusione superiore ai 50 casi ogni 100.000 abitanti.

Attualmente chi rientra nella repubblica federale tedesca da un viaggio in uno degli stati presenti nella lista è obbligato a mettersi in isolamento preventivo. Anche l’Italia ha redatto una propria lista con cui vieta l’ingresso da 16 Paesi, mentre per altri impone l’obbligo di quarantena o il tampone.

Italia “Zona Rossa”, salva solo la Calabria

L’Italia non è un Paese sicuro, epidemiologicamente parlando, secondo la Germania, a stabilirlo è stato il Robert Koch Institut che ha salvato solamente la Calabria, identificandola come una Regione in cui determinati fattori hanno permesso di bollarla come “zona sicura”, mentre la Valle d’Aosta per il momento è quella in cui si registra il più alto numero di contagi.

L’elaborazione della lista dei vari Paesi effettuata dal Robert Koch Institute avviene sulla base incrociata di diversi dati. Il fattore principale è naturalmente il numero di infezioni ogni 100.000 abitanti nell’arco dell’ultima settimana. Se questo valore supera i 50 nuovi contagi si finisce automaticamente nella lista nera. Gli altri fattori presi in considerazione sono l’adeguatezza delle misure contenitive messe in atto a livello locale, il numero di tamponi effettuati e infine la credibilità delle informazioni riguardanti l’area in esame. Secondo questi elementi quindi, l’unica Regione della penisola a rientrare nei parametri sarebbe la Calabria.

Gli altri Stati nella lista nera

Non solo l’Italia, secondo il Robert Koch Institut, diversi Stati non sono in grado di assicurare un certo grado di sicurezza per i loro cittadini e per gli eventuali turisti. Nella lista nera dei Paesi più a rischio, oltre al Belpaese e a moltissime aree della Germania stessa, troviamo:

  • Austria, ad esclusione di due comunità;
  • Croazia;
  • Slovenia;
  • Cipro;
  • Ungheria;
  • Principato di Monaco;
  • San Marino;
  • Città del Vaticano.

Altri Stati invece sono ritenuti sicuri ad esclusione di determinate Regioni, tra questi vi sono:

  • Svezia;
  • Portogallo;
  • Danimarca;
  • Lettonia;
  • Grecia.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories