Coronavirus Italia: buono Rt sotto 1, ma resta allerta focolai

I nuovi focolai di coronavirus sparsi in Italia mantengono una certa allerta nel Paese. Ma l’indice Rt è sotto controllo e la situazione nazionale non più critica: le novità

Coronavirus Italia: buono Rt sotto 1, ma resta allerta focolai

Coronavirus Italia: momento cruciale per l’epidemia nel nostro Paese. I dati giornalieri di contagi e decessi restano osservati speciali per capire se davvero la nazione sta uscendo definitivamente dal pericolo sanitario.

A destare nuove preoccupazioni sono i focolai di COVID-19 sparsi in diverse parti della penisola: il controllo epidemiologico sembra funzionare, ma il ritorno di piccole ondate di contagi mantiene l’allerta ancora a livelli importanti.

Intanto, però, dal ministero della Salute il quadro generale è rincuorante: le novità sul coronavirus in Italia.

Contagi Italia: la situazione nazionale è buona, ecco perché

Ad affermare che, in generale e a livello nazionale, la situazione rimane buona è stato Giovanni Rezza, direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute.

Nello specifico, dopo aver diramato i dati di venerdì 26 giugno, con 259 positivi, meno rispetto al giorno precedente, Rezza ha chiarito che:

“La situazione a livello del Paese continua ad essere buona e l’Rt sotto 1 su scala nazionale. Naturalmente persistono delle differenze nell’incidenza da regione a regione.”

Un andamento positivo, quindi, come già indicato anche dall’ISS nella sua valutazione settimanale, nella quale è emerso un quadro a bassa criticità. L’incidenza cumulativa del virus nel periodo tra l’8 e il 21 giugno ha registrato 5.98 casi per 100.000 abitanti: dato in diminuzione e quindi positivo.

Da ricordare, comunque, che in alcune regioni l’indice Rt è ancora sopra 1, come nel Lazio, Lombardia, Emilia Romagna.

In più, occorre tenere in considerazione tutti i fenomeni attualmente in corso in Italia. Per questo, Rezza ha voluto ribadire l’importanza della vigilanza:

“Sono presenti dei focolai anche di una certa rilevanza che indicano che il virus in determinati contesti è in grado di circolare anche rapidamente. Ciò induce a tenere comportamenti adeguati e a identificare e contenere prontamente i focolai come attualmente si sta facendo”

Tradotto, ancora non si può abbassare la guardia, sia nelle abitudini quotidiane che negli interventi tempestivi per arginare i contagi, isolarli e curarli.

Tutti i focolai in Italia

In questi giorni la cronaca italiana sulle vicende del coronavirus si è concentrata sui nuovi focolai. Sono diverse, infatti, le concentrazioni di contagi in alcuni territori della penisola, che hanno riportato l’attenzione sull’emergenza epidemia.

L’ultimo è quello scoppiato a Mondragone, con tanto di intervento delle forze dell’ordine per calmare la turbolenta reazione della popolazione interessata alla quarantena.

Ci sono, poi, il magazzino Bartolini di Bologna; la mini zona rossa di Palmi in Calabria, in vigore fino a venerdì 26 giugno; una Rsa di Genova e un cluster in Val d’Ossola in Piemonte e il San Raffaele Pisana di Roma.

Interventi e isolamenti sono avvenuti in modo tempestivo e hanno messo in evidenza l’importanza di effettuare tamponi. Il coronavirus in Italia, quindi, come in altre zone d’Europa, può ancora colpire.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories