Cessione del credito e nuova piattaforma Enel X, potrebbe aumentare il prezzo?

Chiara De Angelis

16/04/2023

16/04/2023 - 16:13

condividi

A breve partirà la nuova piattaforma Enel X per la cessione del credito. Potrebbe portare ad un aumento del prezzo dei crediti fiscali?

Cessione del credito e nuova piattaforma Enel X, potrebbe aumentare il prezzo?

Cresce l’attesa per l’attivazione della nuova piattaforma Enel X, il sistema per la cessione del credito che servirà per smaltire i circa 20 miliardi di crediti incagliati legati ai Bonus casa.

L’obiettivo da raggoungere, stando a quanto dichiarato dal CEO di Enel X, è quello di far incontrare la domanda e l’offerta dei crediti fiscali derivanti dai Bonus ristrutturazione per dare la possibilità alle imprese che detengono crediti fermi nel portafoglio di poterli svincolare, permettendo nel contempo, ad altre imprese di rilevare questi crediti per pagare imposte e contributi.

Per le imprese risulta vantaggioso comprare crediti fiscali ad un prezzo inferiore al loro valore nominale. Premessa a parte, l’entrata in scena della nuova piattaforma Enel X per la cessione del credito ha portato i più ferrati in materia a porsi una domanda: il nuovo sistema potrebbe dare origine ad eventuale aumento del prezzo di vendita dei crediti stessi? Vediamo subito di dare un’esauriente risposta al quesito.

Cessione del credito e nuova piattaforma Enel X, cosa cambia

Come anticipato in apertura di articolo, l’introduzione della nuova piattaforma Enel X aiuterebbe lo smaltimento di circa 20 miliardi di crediti fermi, oltre che a spingere verso il mercato quei crediti originati dalle poche chance di cessione del credito e dello sconto in fattura definite dal Decreto Superbonus.

Il DL 11/2023 ha stabilito che le due opzioni di cessione del credito e dello sconto in fattura sono possibili solo se al 16 febbraio 2023:

  • per i lavori diversi da quelli eseguiti sui condomini, risulta già presentata la CILA (Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata) o un altro titolo abilitativo per gli interventi di ristrutturazione differenti da quelli ammessi al Superbonus;
  • per i lavori eseguiti dai condomini, se la delibera assembleare attraverso la quale sono stati approvati gli interventi da mettere a punto risulta adottata, e la CILA è stata presentata;
  • per gli interventi che portano alla demolizione o alla ricostruzione degli immobili, nel caso in cui la domanda per l’acquisizione del titolo abilitativo risultasse consegnata;
  • per i lavori in edilizia libera per i quali si richiede l’inizio dei lavori.

E ancora, la cessione del credito e sconto in fattura rimango in vita:

  • per i lavori che portano all’eliminazione delle barriere architettoniche, le cui spese possono sono agevolabili al 75%;
  • per gli interventi eseguiti nelle aree interessate da terremoti verificatisi dal primo aprile 2009 (compresi i territori della Regione Marche danneggiati da eventi metereologici verificatisi dal 15 settembre dello scorso anno);
  • per gli interventi messi a punto dalle case popolari (IACP), dalle ONLUS, dalle organizzazioni di volontariato (ODV), nonché dalle cooperative di abitazioni a proprietà indivisa.

Tutti soggetti questi ultimi che possono usufruire delle due opzioni di cessione del credito e dello sconto in fattura nel rispetto di una condizione, quella di essere già costituiti prima dell’entrata in vigore del DL 11/2023.

Rispolverati questi brevi punti, andiamo ora a vedere se la piattaforma porterà ad un aumento del prezzo della cessione del credito.

Cessione del credito e nuova piattaforma Enel X, potrebbe aumentare il prezzo?

La nuova piattaforma Enel X porterà ad un aumento del prezzo di vendita dei crediti fiscali? Potrebbe. Come dichiarato da Francesco Venturini, CEO di Enel X, l’orientamento futuro è quello di fare della piattaforma una soluzione aperta nel tempo ad un numero crescente di soggetti privati.

Il funzionamento del sistema di gestione per la cessione del credito non dovrebbe differire molto dal quello previsto per il portale Sibonus, la piattaforma promossa dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e dalle Camere di Commercio d’Italia.

La piattaforma Enel X potrebbe comportare un aumento del prezzo di vendita dei crediti fiscali se si pensa al suo funzionamento. In pratica, chi mette in vendita il credito dovrebbe perdere meno liquidità rispetto ai più recenti mesi. Se si richiedono meno crediti (domanda bassa), chi opta per l’acquisto vuole pagare un prezzo inferiore rispetto al valore nominale del credito fiscale stesso. Il vantaggio è tutto per chi cede questi crediti.

Cessione del credito, a quanto ammonta lo sconto medio richiesto da chi acquista il credito

Prendendo come riferimento i dati presenti sulla piattaforma Sibonus per la cessione del credito è possibile avere una visione più completa dello sconto medio che oggi potrebbe essere richiesto da chi è disposto ad acquistare il credito.

La riduzione in ordine di convenienza per i diversi Bonus edilizi è la seguente:

  • Ecobonus 26,9%
  • Bonus ristrutturazione 26,2%
  • Bonus facciate 26,4%
  • Sismabonus 20,4%
  • Superbonus 15,4%

Com’è facile notare, chi decide di cedere il credito va incontro a riduzioni molto significative. Non mancano i casi in cui lo sconto richiesto dai compratori è arrivato a sfiorare il 50%. In conclusione, la piattaforma Enel X potrebbe spingere verso l’alto il prezzo di cessione dei crediti.

Commenta:

Iscriviti a Money.it