Bonus casa e cessione del credito: nuovo modulo e istruzioni dall’Agenzia delle Entrate

Bonus casa e cessione del credito d’imposta maturato sia per il superbonus 110% che per le altre agevolazioni, come la ristrutturazione o gli impianti fotovoltaici: i dettagli con il nuovo modulo da utilizzare si trovano nel provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 12 ottobre 2020, insieme alle istruzioni per la compilazione e alle specifiche tecniche.

Bonus casa e cessione del credito: nuovo modulo e istruzioni dall'Agenzia delle Entrate

Bonus casa, nuovo modulo e istruzioni dall’Agenzia delle Entrate per la cessione del credito: le novità sono contenute nel provvedimento del 12 ottobre 2020, e si applicano non solo all’ecobonus 110%, ma a tutte le agevolazioni fiscali per i lavori in casa.

Le nuove specifiche tecniche per l’invio telematico del modello per la comunicazione della cessione del credito si applicano per gli interventi di:

  • recupero del patrimonio edilizio;
  • efficienza energetica;
  • riduzione del rischio sismico;
  • impianti fotovoltaici;
  • colonnine di ricarica.

Per quanto riguarda il superbonus 110%, la comunicazione alle Entrate potrà essere fatta dal 15 ottobre 2020.

Bonus casa e cessione del credito: nuovo modulo e istruzioni dall’Agenzia delle Entrate

Le nuove specifiche tecniche per la comunicazione della cessione del credito d’imposta vengono spiegate nel provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 12 ottobre 2020.

Provvedimento AdE n. 326047 del 12 ottobre 2020
Modifiche al modello per la comunicazione dell’opzione relativa agli interventi di recupero del patrimonio edilizio, efficienza energetica, rischio sismico, impianti fotovoltaici e colonnine di ricarica, approvato con il provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate dell’8 agosto 2020, e alle relative istruzioni. Approvazione delle specifiche tecniche per la trasmissione telematica del modello di comunicazione.

Due le novità principali:

  • il nuovo modulo;
  • alcuni cambiamenti al provvedimento dell’8 agosto, che stabiliva le istruzioni per la cessione del credito relativo al superbonus 110%.
Nuovo modulo per la comunicazione della cessione del credito per i bonus casa
COMUNICAZIONE DELL’OPZIONE RELATIVA AGLI INTERVENTI DI RECUPERO DEL PATRIMONIO EDILIZIO, EFFICIENZA ENERGETICA, RISCHIO SISMICO, IMPIANTI FOTOVOLTAICI E COLONNINE DI RICARICA

Con il provvedimento del 12 ottobre dunque l’Agenzia delle Entrate approva nuove specifiche tecniche per la trasmissione telematica del modello di comunicazione, oltre ad apportare alcune lievi modifiche al modello e alle relative istruzioni.

Specifiche tecniche per la predisposizione e trasmissione telematica delle Comunicazioni dell’opzione relativa agli interventi di recupero del patrimonio edilizio, efficienza energetica, rischio sismico, impianti fotovoltaici e colonnine di ricarica
Clicca qui per scaricare il file.
Istruzioni per la compilazione della comunicazione della cessione del credito
Clicca qui per scaricare il file

In particolare è stato modificato il Quadro A a pagina 4 delle istruzioni, per cui la casella “Intervento Superbonus” deve essere barrata nel caso in cui l’intervento selezionato nel campo “Tipologia intervento” sia un intervento trainato eseguito congiuntamente ad uno degli interventi trainanti o sia un intervento antisismico in zona sismica 1, 2 o 3, ammesso al Superbonus.

Gli interventi trainati sono ammessi al superbonus se le spese per l’intervento trainante sono sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021 e le spese per l’intervento trainato sono sostenute tra la data di inizio e quella di fine dei lavori per la realizzazione dell’intervento trainante.

Bonus casa e cessione del credito: sostituire o annullare una comunicazione

È possibile sostituire una comunicazione precedentemente inviata mediante l’invio di una Comunicazione Sostitutiva. I dettagli si trovano all’interno delle specifiche tecniche, approvate per l’appunto con il provvedimento del 12 ottobre in commento.

In tale comunicazione dovranno risultare compilati i campi 32 e 33 del record B con gli estremi del protocollo telematico della comunicazione precedentemente inviata.

In questo modo i dati indicati nella nuova comunicazione sostituiranno integralmente i dati di quella precedente. La sostituzione di un comunicazione può essere richiesta entro il 5 del mese successivo di quello di invio della Comunicazione da sostituire.

Le richieste di sostituzione pervenute successivamente a tale data saranno scartate in fase di accoglienza.

Si può anche optare per l’annullamento di una comunicazione. In tal caso, nella comunicazione di annullamento dovranno risultare compilati i campi 32, 33 e 34 del record B nei quali andranno riportati gli estremi del protocollo telematico della comunicazione che si intende annullare, e non dovranno essere compilati i dati dei quadri A, B, C e D.

Il termine entro cui si può richiedere l’annullamento è sempre entro il 5 del mese successivo a quello di invio della comunicazione da annullare.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories