Longino & Cardenal: nel 2018 risultati record, nel 2019 obiettivo Stati Uniti e crescita internazionale

La società di Pogliano Milanese, eccellenza nel settore dell’alta ristorazione ed attiva nella ricerca di cibi rari e preziosi, di recente ha reso noto i ricavi 2018. Esercizio chiuso con una crescita del 12,2% sul 2017, con un giro d’affari a 32 milioni di euro. In occasione della ’Oltre Convention 2019’ tenutasi a Milano venerdì 1° febbraio, Money.it ha intervistato Riccardo Uleri, AD della società. Il manager ha commentato i risultati raggiunti e tracciato la rotte sul futuro prossimo

Longino & Cardenal: nel 2018 risultati record, nel 2019 obiettivo Stati Uniti e crescita internazionale

Longino & Cardenal, società di importazione e distribuzione di prodotti alimentari di eccellenza da oltre un trentennio, è tra i principali fornitori di riferimento per l’alta ristorazione italiana.

L’azienda capitanata dall’AD Riccardo Uleri seleziona in tutto il mondo cibi rari e preziosi, vantando una proposta di prim’ordine con oltre 1.800 prodotti, 70 partner nel mondo e 4.500 clienti all’anno solo in Italia, con oltre 1.000 ordini alla settimana. La società risponde alla esigenze della fascia degli operatori del food italiani di alta qualità ed annovera circa l’80% dei ristoranti stellati.

La crescita della società ha portato Longino & Cardenal a quotarsi nel luglio 2018 sul segmento AIM Italia di Borsa Italiana, quello pensato per le migliori PMI nazionali che vogliono iniziare ad aprire il capitale per poter proseguire il percorso di sviluppo.

Spesso su una direttrice internazionale. Dal suo collocamento le azioni han fatto registrare una rivalutazione di quasi 19 punti percentuali, con il titolo che al momento a Piazza Affari passa di mano a 4,28 euro.

A sostenere i corsi l’andamento industriale. La scorsa settimana Longino & Cardenal ha diffuso i risultati al 31 dicembre 2018. Il giro d’affari ha superato i 32 milioni di euro, con una crescita del 12,2% rispetto ai 28,5 milioni del 2017.

«Siamo particolarmente soddisfatti per l’importante crescita sul mercato estero,dove siamo presenti attraverso le controllate di Hong Kong e Dubai», ha commentato i risultati Riccardo Uleri, AD della società, fissando per il 2019 l’obiettivo di espandere ulteriormente «la presenza a livello internazionale, in particolare sul territorio americano».

Nel 2018 nelle due sedi di Hong Kong e Dubai gli utili delle controllate sono cresciuti rispettivamente del 20,3% e 44,4% sul 2017, a gennaio ha invece preso il via la branch USA. Oltre il quartier generale milanese, in Italia una piccola azienda in Sicilia per la lavorazione del Gambero Rosso.

Obiettivo crescita internazionale

La crescita internazionale era uno dei pilastri della linea strategica presentata agli investitori in occasione dello sbarco a Piazza Affari, con un’operazione da 4,95 milioni di euro per la 103esima matricola quotata sul segmento AIM Italia di Borsa Italiana.

«Una decisione necessaria per continuare ed accelerare l’espansione internazionale, oltre a valutare eventuali acquisizioni di piccole ed eccellenti aziende di produzioni italiane», ha confermato Uleri a Money.it in occasione della ’Oltre Convention 2019’. Una scelta non solo finanziaria, ma anche di «vita aziendale che fa entrare la società in una dimensione diversa in merito a relazioni e visibilità».

Per confermarsi ai vertici di settore e proseguire il percorso di crescita nei nuovi mercati, Longino & Cardenal non interrompe mai la ricerca di nuovi prodotti con cui allargare il catalogo proposto ai clienti.

«Tra i nuovi prodotti di punta abbiamo inserito le vongole dalla Nuova Zelanda, la bottarga di muggine dalla Grecia, una linea di volatile dalla Francia E il cioccolato dall’Equador», ha spiegato Uleri durante la convention.

Nei piani di sviluppo della società gli Stati Uniti occupano il primo posto. A gennaio è stata costituita la Longino & Cardenal USA Corp, guidata da Andrea Bertali, già Country manager della sede di Hong Kong.

"Un passo fondamentale e che consideriamo strategico per consolidare il nostro posizionamento sul mercato americano quali selezionatori esperti di eccellenze gastronomiche. Puntiamo a far conoscere le migliori materie prime e i prodotti a ristoranti stellati, luxury hotel e player specializzati sul territorio USA, forti del know-how in Italia e della presenza nei mercati esteri di Hong Kong e Dubai”, ha concluso l’intervista Riccardo Uleri, tracciando così le linee guida della società per il futuro prossimo.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su AIM Italia

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.