Trade war, crisi di Governo e rialzo dell’oro: assist per i rialzi in Borsa di Confinvest

Quotata in un periodo particolarmente negativo per il mercato azionario globale, a Piazza Affari Confinvest è riuscita a sovraperformare in modo sostenuto. Ecco le motivazioni che hanno spinto al rialzo le performance del titolo

Trade war, crisi di Governo e rialzo dell'oro: assist per i rialzi in Borsa di Confinvest

Avvio di settimana sugli scudi per Confivest, con le azioni della matricola di Borsa che al momento fanno segnare un progresso del 5,09% a 1,96 euro. Nel mirino i massimi storici registrati mercoledì scorso a 2,03 euro per azione. La società, specializzata nella negoziazione di oro fisico, è sbarcata a Piazza Affari lo scorso 1° agosto. Quotata sul mercato AIM Italia, in fase di IPO aveva visto la valorizzazione fissata a 1,50 euro per azione.

Da quando si è quotata, la società è riuscita a sovraperformare in modo significativo gli indici azionari di Piazza Affari. Dalla chiusura del 31 luglio a oggi il FTSE Mib e il FTSE AIM Italia hanno accusato una flessione del 5,12%. Nello stesso periodo Confinvest ha guadagnato il 30,66%.

I motivi fondamentali del rialzo

Ma come mai la società è riuscita a battere in modo così significativo il mercato? In primis vi sono alcuni elementi di matrice fondamentale. La società ha in magazzino una quota importante di oro, nell’ordine dei 3 milioni di euro secondo i dati di bilancio al 31 dicembre 2018. L’apprezzamento degli ultimi giorni del metallo prezioso si traduce dunque in un immediato incremento del valore del magazzino e dunque della società. Indirettamente vi è poi un altro motivo di matrice fondamentale capace di dare brio alle quotazioni della società: il rialzo dei prezzi dell’oro porta più italiani ad avvicinarsi a questa asset class per diversificare il proprio portafoglio. «Questo implica un aumento dei volumi di transazione e a cascata un impatto positivo dei nostri margini», ha dichiarato a Money.it Giacomo Andreoli, Amministratore Delegato di Confinvest rispondendo al perché la società stia sovraperformando in modo così significativo il mercato azionario italiano.

Trade war e asset allocation: altri motivi ai rialzi dell’oro

Oltre a questi aspetti di matrice fondamentale, ve ne sono altri che peculiari. Negli ultimi giorni si sono acuite le tensioni internazionali tra Cina e Stati Uniti, con l’amministrazione Trump che ha aumentato i dazi imposti a Pechino e la Cina che ha risposto svalutando lo Yuan. Questo ha rappresentato due elementi di traino alle quotazioni dell’oro. Il primo legato all’incremento di incertezza geopolitica, l’altro alla voglia di protezione della propria ricchezza da parte dei risparmiatori cinesi. In questa direzione va anche il movimento del Bitcoin negli ultimi 10 giorni.

Gli investitori si trovano inoltre in un clima di indecisione per quanto riguarda i propri impieghi: da un lato il rallentamento macroeconomico globale e la crescita dei listini azionari degli ultimi anni invitano a stare in allerta e ogni elemento negativo può essere capace di far invertire il trend costruttivo degli ultimi mesi; dall’altro lato gli investimenti sul fronte obbligazionario non appaiono estremamente invitanti. Le politiche monetarie accomodanti degli ultimi anni delle principali banche centrali hanno depresso i rendimenti, con molti bond che attualmente prezzano rendimenti negativi. I tassi bassi invece giocano a favore dell’oro, con un minor costo di mantenimento rispetto ad altre asset class.

Il tema Italia

Quelli sopra evidenziati non sono tuttavia gli unici, seppur importanti, motivi che sembrano giustificare il recente andamento di Borsa di Confinvest. Se indubbiamente la scia negativa delle vicende internazionali non lascia immune il mercato italiano, un altro tema da prezzare nelle valutazioni di azioni e bond tricolori è dato dalla recente apertura della crisi di Governo.

L’aumento del rischio Italia si è tradotto con un duplice movimento di mercato, assolutamente complementare: da un lato il calo dei titoli azionari, in particolar modo di quelli bancari, dall’altro l’allargamento dello spread tra il BTp e il Bund a 10 anni. L’aumento dell’incertezza porta gli investitori del Belpaese a cercare modi alternativi per allocare la liquidità.

Una delle possibili scelte è proprio l’oro fisico. Tale soluzione non presenta il rischio di controparte e ha le caratteristiche del denaro. «Per Convinvest si tratta quindi di un grande beneficio, specie considerando che il popolo italiano detiene oltre 1.300 miliardi di euro nei propri conti correnti», sottolinea Andreoli.

La view secondo Andreoli

Nel corso della sua intervista a Money.it il manager ha evidenziato come il titolo della società in questo momento storico sia visto «come un asset fly-to-quality» e questo lo si nota dal Beta completamente decorrelato dal mercato. Andreoli pone l’accento sul fatto che Confinvest “è un unicum sul mercato italiano ed europeo: è infatti l’unica società di questo business quotata". A dimostrazione i risultati dell’IPO, nella quale l’80% dell’offerta sottoscritta da investitori istituzionali è giunta dall’estero.

I motivi fiscali

Vi è infine un ultimo elemento che favorisce le quotazioni di Confinvest in questa fase di mercato: gli incentivi fiscali. La società è infatti una PMI Innovativa e come tale chi acquista le azioni e le mantiene ininterrottamente per 3 anni può beneficiare degli incentivi governativi previsti sia per le persone fisiche che per quelle giuridiche. Le persone fisiche possono detrarre ai fini IRPEF il 30% degli investimenti effettuati nelle PMI innovative, con un massimale di impieghi pari a 1 milione di euro per ciascun periodo di imposta. Le persone giuridiche possono invece dedurre ai fini IRES il 30% degli investimenti, con un investimento massimo deducibile in ciascun periodo d’imposta pari a 1,8 milioni di euro. Per gli investitori di medio-lungo termine, anche questo rappresenta un cuscinetto di protezione dalla fluttuazione dei prezzi di Borsa e dal nervosismo dei mercati.

Leggi anche —> Startup e PMI innovative: incentivi fiscali per chi investe

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.