Boom contagi COVID in Francia: Parigi nel mirino, che succede?

Il bilancio del coronavirus in Francia peggiora e a Parigi torna l’obbligo di mascherine anche all’aperto. Con i contagi che crescono a ritmi preoccupanti ogni giorno, la nazione è costretta a misure severe

Boom contagi COVID in Francia: Parigi nel mirino, che succede?

La Francia è ancora in piena allerta coronavirus.

Il Governo ha deciso di imporre nuovamente misure restrittive per arginare contagi in crescita in questo avvio di agosto. Anche Parigi è entrata nel mirino delle regole di prevenzione, visto che la concentrazione di positivi nell’area della capitale è di molto maggiore rispetto al resto della nazione.

Da lunedì 10 agosto le mascherine saranno obbligatorie addirittura all’aperto, nei luoghi più affollati. Un duro colpo per i francesi e per i pochi turisti invogliati a viaggiare.

L’Europa, ancora in balia dell’epidemia, sembra proprio essere trascinata dalla Francia in questo boom di contagi estivi. Cosa succede a Parigi e dintorni?

Allarme coronavirus Parigi: mascherine anche all’aperto. Che succede?

Mascherine obbligatorie all’aperto a Parigi: questa l’ultima novità decisa dalle autorità francesi dopo il bilancio preoccupante sui positivi giornalieri.

Da lunedì 10 agosto, quindi, non si potrà passeggiare lungo la Senna e visitare i caratteristici mercati all’aperto senza indossare la protezione di bocca e naso.

L’ordine, che si applica alle persone di età pari o superiore a 11 anni, riguarda aree esterne affollate della capitale francese, sebbene non siano elencati siti turistici come la Torre Eiffel, l’Arco di Trionfo e il viale degli Champs-Elysées.

I dati hanno mostrato che il virus aveva iniziato a circolare più ampiamente a Parigi e nei sobborghi già da metà luglio. Il tasso di positivi confermati nella grande regione parigina è ora del 2,4%, rispetto a una media nazionale dell’1,6%.

Nella regione della capitale, almeno 400 persone sono risultate positive al test quotidianamente, con ventenni e trentenni particolarmente colpiti.

Un dato che ha lanciato l’allarme. La Francia ha reso obbligatorio indossare mascherine in spazi pubblici chiusi come negozi e banche dal 21 luglio.

Parigi adesso si unisce a un elenco crescente di città che stanno ordinando alle persone di portare protezioni in zone trafficate all’aperto, tra cui Tolosa, Lille e Biarritz.

Chi viola l’ordine rischia una multa di 135 euro. La pena sale a sei mesi di reclusione per chi la viola più di tre volte nell’arco di un mese. L’obbligo scattato per Parigi durerà un mese.

Francia: è boom di contagi

Dalla Germania all’Europa dell’Est, fino al Regno Unito, alla Spagna, alla Grecia, l’Europa tutta sta vivendo un’estate all’insegna della crescita dei contagi.

Nelle ultime settimane, la Francia è diventata una delle nazioni osservate speciali per il repentino incremento di positivi.

Il numero di persone infettate dal coronavirus è aumentato di 2.288 venerdì 7 agosto, un nuovo massimo dopo il blocco. In una settimana, il Paese ha registrato quasi 9.500 nuovi contagiati, con una crescita del 30%.

Un trend che sta preoccupando, anche alla luce di quanto affermato dal comitato scientifico nazionale sulla precaria capacità statale di mantenere il controllo sanitario sul territorio nazionale.

La Norvegia ha appena comunicato che considera la nazione francese zona rossa, con obbligo di quarantena per chi rientra dal Paese.

Sono almeno 288 i focolai attivi in Francia e ora anche Parigi è nel mirino dell’emergenza estiva del coronavirus.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories
SONDAGGIO

1634 voti

VOTA ORA