Bonus PC 500 euro: alcuni comuni sono esclusi?

Bonus PC 500 euro: in alcune regioni d’Italia è previsto che il servizio venga erogato solo in alcune zone. Ci saranno comuni esclusi?

Bonus PC 500 euro: alcuni comuni sono esclusi?

Bonus PC 500 euro: ci sono dei comuni che sono o potrebbero essere esclusi dal nuovo Piano Voucher per le Famiglie?

Il bonus PC, in particolare per internet, è in dirittura d’arrivo. Il contributo, lo ricordiamo, fa parte della Strategia italiana per la Banda Ultralarga BUL in tutto il territorio nazionale. Il Piano Voucher è stato approvato dal Comitato Banda Ultralarga “COBUL” il 5 maggio 2020 in linea con quanto previsto dalla Strategia.

Il bonus PC della Fase I, per il quale è stato pubblicato manuale operativo di Infratel Italia e che per il ministero dello Sviluppo Economico lo gestisce, è riservato alle famiglie con ISEE fino a 20.000 euro che possono ottenere una connessione veloce e anche un PC e Tablet. Alcuni comuni sono tuttavia esclusi dal bonus PC, o meglio solo in alcuni è previsto, come da FAQ di Infratel. Vediamo dove.

Bonus PC 500 euro solo in alcuni comuni

Dal bonus PC 500 euro alcuni comuni sono esclusi e a chiarirlo è Infratel Italia nel manuale operativo pubblicato a seguito del decreto attuativo per la fase I riservata alle famiglie con reddito basso e nelle FAQ.

In particolare si specifica che il bonus PC e internet è previsto solo in alcuni comuni dei quali a breve verrà fornito un elenco pubblicato sul sito di Infratel. Il riferimento è l’articolo 3 comma 7 del decreto attuativo del bonus PC di 500 e che stabilisce che “Al fine di garantire coerenza del Piano con eventuali previi interventi regionali, i contributi potranno essere erogati anche tenendo conto di situazioni specifiche di singole Regioni correlate a condizioni più svantaggiate di determinate aree territoriali, sulla base di apposite convenzioni da stipulare con le regioni.”

Pertanto il bonus Pc e internet sarà reso disponibile solo nei comuni in cui le regioni, sulla base del suddetto articolo, hanno inteso limitare l’ambito di applicazione della misura. Nella FAQ ministeriale infatti si legge che il bonus PC e in particolare internet, intende incentivare la fruizione di servizi a banda ultralarga su tutto il territorio nazionale. Nelle sole regioni Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Toscana, e su esplicita richiesta di queste Regioni, la misura sarà applicabile solo ad utenze localizzate in alcuni comuni.

Al momento non si sa in quali comuni sarà limitato l’accesso al bonus nelle regioni suddette, ma l’elenco sarà reso noto non appena comunicato a Infratel dai territori interessati.

Al momento, secondo le stime Infratel, i nuclei familiari beneficiari del bonus PC 500 euro sono 400.000 per 200milioni di risorse totali. Il bonus PC lo ricordiamo verrà erogato fino a esaurimento delle risorse e comunque non oltre un anno dall’avvio dell’intervento.

Bonus PC 500 euro solo con internet

Il bonus PC 500 euro viene concesso solo con internet, ovvero con un servizio di connettività ad almeno 30 Megabit al secondo in download. Come spiega Infratel il bonus per l’acquisto di PC o anche Tablet è erogato solo nel caso di contestuale attivazione del servizio di connettività. Non è possibile acquistare direttamente il PC o il Tablet con il bonus dunque, ma i dispositivi, concessi con la connessione internet tramite il contratto stipulato con l’operatore di telecomunicazioni, diventeranno di proprietà dei beneficiari dopo 12 mesi.

Ricordiamo che il bonus PC è erogato nella misura di 200 euro per la connettività e 300 euro per Tablet o PC.

Dopo questa prima fase sarà avviata una seconda fase per le famiglie in altra fascia ISEE e per le imprese e con la quale:

  • le famiglie con ISEE fino a 50.000 euro avranno un contributo di 200 euro per connessioni veloci ad almeno 30 Mbit/s s (tutte le tecnologie incluso satellite).
  • le imprese avranno un contributo di 500 euro fino a 2.000 euro per i servizi di connettività ad almeno 30 Mbit/s o a 1Gbit/s, in base alla tipologia di rete presente nelle relative sedi.

Per ottenere il bonus PC come abbiamo detto è importante stipulare un contratto di connettività al almeno 30 Mbit/s al secondo, copertura pubblica che in Italia, sulla base delle indicazioni disponibili sul sito dedicato alla Strategia BUL non è prevista ancora in tutte le realtà territoriali. Non è chiaro se questo escluderà nell’immediato dall’accesso al Bonus PC di 500 euro alcuni territori.

Argomenti:

Internet ISEE PC Famiglia

Iscriviti alla newsletter

Money Stories