I bitcoin entrano nel calcio inglese che conta

Sport e criptovalute sempre più vicini: la rivoluzione arriva dal settore calcistico del Regno Unito

I bitcoin entrano nel calcio inglese che conta

Per la prima volta al mondo un accordo di sponsorizzazione sarà pagato in bitcoin.

A fare da apripista alla nuova frontiera delle criptovalute è stato il Regno Unito, dove i sette club di punta del calcio anglosassone hanno comunicato di aver stipulato accordi di sponsorship con eToro, piattaforma leader mondiale del social trading.

Protagonisti dell’iniziativa sono Tottenham Hotspur, Leicester City, Newcastle United , Southampton, Cardiff City, Brighton e Crystal Palace che con la chiusura dei contratti multimilionari andranno a creare dei digital wallet, più che certi che la criptovaluta sostituirà in futuro la sterlina e rivoluzionerà il dorato mondo del calcio.

I boss della Premier League prevedono che in un prossimo futuro anche i grandi campioni del calcio saranno pagati in bitcoin e che il sistema della tecnologia blockchain migliorerà il settore della vendita dei biglietti e assisterà i club nel contrasto al fenomeno della contraffazione del merchandising.

Barry Webber, direttore commerciale del Crystal Palace FC, ha dichiarato:

“La tecnologia blockchain sta portando nuove eccitanti opportunità in tutti i settori aziendali e siamo lieti di accogliere eToro come partner per esplorare il suo potenziale nel calcio”.

Fran Jones, Head of Partnerships del Tottenham Hotspur, ha commentato:

“Al Tottenham Hotspur ci impegniamo per la tecnologia e l’innovazione e siamo quindi entusiasti di accogliere eToro come partner in una categoria che si sta sviluppando rapidamente.”

Soddisfatto anche Iqbal Gandham, managing director responsabile delle attività di business di eToro nel Regno Unito, che ha dichiarato al Daily Telegraph che l’utilizzo della tecnologia blockchain nelle grandi transazioni di denaro è un sistema a presidio della «trasparenza», ben conscio che la scelta di pagare la partnership con i club coinvolti in bitcoin invece che in banconote tradizionali susciterà molto interesse nel settore.

EToro nasce nel 2007 dall’idea di tre imprenditori con l’obiettivo di sovvertire il mondo del trading per renderlo accessibile a chiunque e ridurre la dipendenza dalle istituzioni finanziarie tradizionali. Nel 2017 la società, dopo essere stata pioniere del trading di bitcoin, ha ampliato la propria offerta di criptovalute, consentendo ai clienti il trading e l’investimento in Ethereum, Ripple, Litecoin e in altre criptovalute.

Con l’ultima iniziativa si aprono ora nuove prospettive di marketing grazie a una nuova visibilità globale sui canali tradizionali e digitali legati ai club.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Bitcoin

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Erasmo Venosi -

Criptovalute e blockchain alla Link University di Roma

Criptovalute e blockchain alla Link University di Roma

Commenta

Condividi

Marco Ciotola -

Coinbase, il 20% del suo trading è in operazioni proprie: la rivelazione fa discutere

Coinbase, il 20% del suo trading è in operazioni proprie: la rivelazione fa discutere

Commenta

Condividi

Marco Ciotola -

Criptovalute: l’Authority UK preme per regolamentare

Criptovalute: l'Authority UK preme per regolamentare

Commenta

Condividi