Le big bank stanno licenziando: quanti posti di lavoro si perderanno?

Violetta Silvestri

21 Gennaio 2023 - 16:13

condividi

Il settore bancario in fermento con diversi piani di licenziamenti. Le grandi banche di Wall Street si stanno muovendo su tagli e ridimensionamenti: cosa succede e cosa aspettarsi.

Le big bank stanno licenziando: quanti posti di lavoro si perderanno?

Tempi assai incerti per il settore bancario.

Le banche si stanno preparando al più grande giro di tagli di posti di lavoro dalla crisi finanziaria globale, con i dirigenti sotto pressione per diminuire i costi, in seguito a un crollo dei ricavi dell’investment banking.

I licenziamenti - che dovrebbero essere decine di migliaia in tutto il settore - invertono le assunzioni di massa effettuate dalle banche negli ultimi anni e la riluttanza a licenziare il personale durante la pandemia di Covid-19.

Il trend coinvolge grandi gruppi bancari a livello globale, con un focus sugli Usa. Tuttavia, la dinamica potrebbe estendersi, definendo così un’altra faccia delle crisi multiple del nostro tempo.

Secondo Reuters, le banche globali sono in procinto di tagliare oltre 6.000 posti di lavoro poiché i profitti delle unità di investment banking sono messi sotto pressione dalla volatilità nei mercati dei capitali e dai tassi di interesse in rapido aumento.

Ondata di licenziamenti sta per travolgere le grandi banche

Banche tra cui Credit Suisse, Goldman Sachs, Morgan Stanley e Bank of New York Mellon hanno iniziato a tagliare più di 15.000 posti di lavoro negli ultimi mesi e gli osservatori del settore si aspettano che altri seguano l’esempio, incoraggiati dai piani già annunciati.

“I tagli di posti di lavoro in arrivo saranno super brutali”, ha affermato Lee Thacker, proprietario della società Silvermine Partners. “È un reset perché hanno assunto troppo negli ultimi due o tre anni”.

Ana Arsov, co-responsabile del settore bancario globale di Moody’s, ha dichiarato di aspettarsi che i tagli ai posti di lavoro saranno meno gravi che durante la crisi finanziaria.

Intanto, Goldman Sachs ha avviato un processo di licenziamento fino a 3.200 dipendenti la scorsa settimana, pari al 6,5% della forza lavoro, mentre aumentano le pressioni sull’amministratore delegato David Solomon per migliorare il rendimento della banca sul patrimonio netto tangibile.

Goldman sta tagliando un numero di dipendenti simile a quello del 2008 durante la crisi finanziaria globale, ma la sua forza lavoro era allora due terzi della sua dimensione attuale.

Morgan Stanley ha licenziato 1.800 dipendenti a dicembre, poco più del 2% della sua forza lavoro.

Bank of New York Mellon, la banca depositaria più grande del mondo, prevede di tagliare poco meno del 3% della sua forza lavoro - circa 1.500 dipendenti - nella prima metà dell’anno.

L’amministratore delegato Robin Vince ha dichiarato al Financial Times che la banca è stata molto attenta a riconoscere che lasciare andare le persone durante la pandemia di Covid avrebbe “rotto il contratto sociale” con i dipendenti.

Ma ha aggiunto che “nel normale corso degli affari rivediamo i livelli di personale. In quanto azienda ben gestita, dobbiamo essere buoni amministratori della nostra base di spesa”.

I tagli di gran lunga maggiori annunciati finora sono quelli del Credit Suisse, che si trova nel bel mezzo di un radicale rinnovamento strategico volto a consolidare la banca svizzera tormentata dallo scandalo. Lo scorso ottobre, la banca ha dichiarato che avrebbe tagliato 9.000 ruoli dalla sua forza lavoro di 52.000 nelle prossime tre settimane.

Barclays ha tagliato la sua forza lavoro nel corporate e investment banking di meno del 3%, ha detto una fonte a Reuters l’8 novembre, settimane dopo aver segnalato un crollo del 45% nelle commissioni di consulenza sulle fusioni.

Deutsche Bank, la più grande banca tedesca, ha diminuito il personale nella sua banca d’investimento a ottobre, una mossa che ha colpito soprattutto i banchieri junior. I tagli includevano dozzine di personale a New York e Londra.

Sotto la pressione del suo maggiore azionista, il gruppo assicurativo cinese Ping An, per migliorare i profitti, l’amministratore delegato di HSBC Noel Quinn ha accelerato negli ultimi mesi i piani per ridurre il suo impero globale e semplificarne la gestione.

Reuters ha riferito che HSBC sta perdendo almeno 200 senior manager mentre sfoltisce i ranghi dei direttori operativi che ha in una serie di paesi e linee di business.

Un altro settore da osservare attentamente nel 2023 è, quindi, quello bancario.

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.