Banche: boom di conti correnti, il saldo medio è da record

I dati di una ricerca di ConfrontaConti.it: aumentano le aperture dei conti e lievita il saldo medio, mai così alto dal 2011.

Banche: boom di conti correnti, il saldo medio è da record

Gli italiani tornano a depositare i propri risparmi sui conti correnti in banca. Le cifre rilevate da ConfrontaConti.it restituiscono dati record, che non si registravano dal 2011.

Secondo la ricerca del portale che fa capo al Gruppo MutuiOnline, c’è anche un’altra novità: aumentano gli utenti che scelgono conti esclusivamente online.

Intanto, la Banca Centrale europea lascia invariati i tassi, che a settembre potrebbero anche diminuire.

Conti correnti, è record

Nel dettaglio, secondo lo studio che ha elaborato i dati aggiornati al 30 giungo 2019, il saldo medio dei conti correnti sfiora i 16mila euro, portandosi a 15.869 euro. Una cifra superiore ai 14.189 euro registrati nei sei mesi precedenti e che è la più alta rilevata dal 2011 ad oggi.

Stando ai risultati della ricerca, la crescita riguarda anche il saldo attivo registrato che lievita del 3%.

Aumentano inoltre le richieste di apertura dei conti correnti, con una concentrazione maggiore nelle regioni settentrionali del Paese e con la stragrande maggioranza che sceglie di affidarsi a servizi esclusivamente online.

Boom di apertura conti al Nord

“È così che i nostri conti correnti raggiungono in questo inizio di seconda parte dell’anno cifre record: boom del saldo medio, del saldo attivo e di richieste nel Nord Italia

sottolineano dall’Osservatorio.

La domanda di conti correnti è trainata dalle regioni del Nord dove risiede il 72,7% del campione statistico della ricerca.

Si tiene distante il Sud del Paese dove si registra solo il 14,9 % delle richieste, mentre dal Centro Italia arriva una domanda del 12,4%.

Gli italiani scelgono conti online

Altro dato interessante è che la maggior parte degli utenti che hanno deciso di aprire un nuovo conto corrente hanno scelto di affidarsi a servizi esclusivamente online. Ha optato per conti correnti digitali il 67,7% degli intervistati.

Il picco delle preferenze per l’online si raggiunge soprattutto tra un’utenza giovane con età compresa tra i 26 e i 40 anni (71,3%) ma il conto digitale non viene disdegnato neanche dagli under 55 (66,8%).

“I conti correnti online sono diventati punto di riferimento per i consumatori italiani, che li scelgono sempre di più per le transazioni quotidiane, ma anche per depositare i risparmi e gestirli comodamente da casa o in mobilità. A preferire la sola filiale rimane il 5,8% degli utenti, mentre il 26,5% sceglie un conto che sia sì digitale, ma consenta di operare anche in banca”

fanno sapere da ConfrontaConti.it.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Conto corrente

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.