Bankitalia: effetto Covid su debito e redditi. Dati peggiori da 20 anni

Violetta Silvestri

14/01/2021

16/04/2021 - 16:37

condividi

Nuovi dati dalla banca d’Italia: il Covid ha gravato pesantemente su debito pubblico e redditi degli italiani. I numeri sono i peggiori da 20 anni.

Bankitalia: effetto Covid su debito e redditi. Dati peggiori da 20 anni

L’ultimo rapporto di Bankitalia traccia bilanci drammatici per la nazione travolta dal Covid.

L’effetto pandemia, infatti, è stato pesante nel 2020 sia sul livello del debito pubblico, sia sui redditi dei cittadini. Il deficit aumenta a dismisura e i livelli di reddito subiscono un grave tonfo.

I dati della Banca d’Italia sull’impatto pandemia della nota “I conti economici e finanziari durante la crisi sanitaria del Covid-19” hanno mostrato il quadro nazionale peggiore da 20 anni.

Debito pubblico: record da 20 anni

Il primo dato che balza all’occhio nell’analisi della Banca d’Italia è quello sul debito pubblico, di certo non così sorprendente considerando la straordinarietà della pandemia e degli interventi economici.

Nel primo semestre 2020, il deficit è arrivato a +121 miliardi di euro e nel solo secondo trimestre 2020 è salito di 97,4 miliardi di euro.

Il risultato è stato un bilancio molto amaro: “tra la fine del 2019 e la fine di giugno 2020, la variazione semestrale del debito pubblico in percentuale del Pil ha raggiunto i valori più alti negli ultimi venti anni”.

Crollo dei redditi per gli italiani

I dati provenienti da via Nazionale hanno anche evidenziato l’impatto negativo e da record per i redditi degli italiani.

Nello specifico, il primo semestre 2020 ha registrato una contrazione dei redditi primari delle famiglie dell’8,8% rispetto allo stesso periodo dell 2019, crollo molto più marcato di quelli evidenziati durante la crisi finanziaria (-5,2%) e dei debiti sovrani (-3,4%).

Il crollo ha raggiunti livelli massimi da 20 anni. Nello specifico, queste le osservazioni:

  • redditi da lavoro dipendente -8,7%;
  • redditi da lavoro e i profitti delle famiglie produttrici -7,4%;
  • altri redditi -13%

In questa cornice, i consumi sono calati del 9,8% nel primo semestre 2020 e il tasso di risparmio è triplicato nelle famiglie (+9,2%), raggiungendo il valore di 51,6 miliardi di euro.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.