Von der Leyen annuncia il piano anti-pandemia dell’UE per il dopo Covid

Riccardo Lozzi

26/01/2021

27/01/2021 - 16:07

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Intervenendo in collegamento al World Economic Forum di Davos, Ursula von der Leyen ha annunciato il piano dell’UE per combattere una futura pandemia post-Covid.

Von der Leyen annuncia il piano anti-pandemia dell'UE per il dopo Covid

Ursula von der Leyen è intervenuta durante la seconda giornata del World Economic Forum di Davos. La presidente della Commissione Europea, collegata a distanza come tutti gli ospiti dell’evento economico del 2021, ha toccato diversi argomenti, anticipando le prossime azioni dell’UE in campo economico, politico e sanitario.

In particolare su quest’ultimo von der Leyen ha annunciato una novità importante: la creazione di un piano di bio-difesa attraverso una stretta collaborazione tra il settore pubblico e privato, per affrontare efficacemente una futura pandemia dopo quella da Covid-19.

Il programma, secondo la visione della politica tedesca, avrà come priorità l’osservazione di agenti patogeni noti ed emergenti, permettendo quindi di sviluppare in tempi brevi e su larga scala un vaccino in grado di immunizzare la popolazione.

La presidente della Commissione ha motivato questa decisione sostenendo come in futuro non sarà più possibile attendere il manifestarsi di un virus per mettere in campo contromisure efficaci contro la sua propagazione e evitare, ad esempio, le problematiche che si stanno verificando in queste ore sulla fornitura delle dosi da parte di AstraZeneca.

Unione Europea: annunciato il piano anti-pandemia per il dopo Covid

Il piano anti-pandemia garantirebbe finanziamenti strutturali, con lo scopo di creare delle forti sinergie tra aziende private operanti nel campo delle biotecnologie e istituzioni pubbliche, tra cui la stessa Commissione Europea e l’Agenzia europea per i medicinali.

Von der Leyen ha insistito sul fatto che, come stiamo purtroppo osservando in questo periodo, in una crisi pandemica non ci si può permettere di perdere tempo e solo con un approccio pubblico-privato è possibile garantire un’efficacia completa.

Nel suo special adress, l’ex ministra della Difesa di Angela Merkel, ha inoltre rilanciato il Green New Deal approvato circa un anno fa dai Paesi membri del blocco comunitario, sostenendo la necessità di cambiare il modello di business adottato finora.

L’intervento di Ursula von der Leyen al World Economic Forum

Un approccio che ha portato nel 2020 al risultato storico del sorpasso in Europa delle energie rinnovabili sui combustibili fossili, ma che necessita di essere maggiormente implementato, anche grazie alle risorse contenute nel Recovery Fund.

Proprio il Next Generation EU ha come priorità l’attuazione di investimenti nel campo energetico, in modo speciale per la creazione di nuove hydrogen valleys nel vecchio continente, contando già sull’adesione di oltre 1.000 società private.

Ursula von der Leyen afferma anche di voler riuscire a contenere lo strapotere delle Big Tech americane, le quali, con l’approvazione del Digital Services Act, dovranno essere più trasparenti riguardo i propri algoritmi e i dati in loro possesso.

Inoltre, i colossi del web saranno ritenuti responsabili della diffusione dei contenuti sulle stesse piattaforme. Sul tema è stato lanciato l’invito agli Stati Uniti di collaborare per una nuova regolamentazione comune.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories