Vaccino obbligatorio per studenti e insegnanti? Il ministro Bianchi ci pensa

Teresa Maddonni

6 Settembre 2021 - 09:53

condividi

Obbligo di vaccino a scuola per studenti e insegnanti: il governo non lo esclude. A spiegare quando potrebbe scattare la misura per i cittadini over 12 è il ministro dell’Istruzione Bianchi.

Vaccino obbligatorio per studenti e insegnanti? Il ministro Bianchi ci pensa

Vaccino obbligatorio per studenti e insegnanti? Il ministro dell’Istruzione Bianchi ci pensa come annunciato in un’intervista a SkyTG24.

Nulla di certo, ma se le condizioni lo richiederanno, con il dilagare delle varianti e la necessità di rientrare in sicurezza a scuola, il governo non esclude di rendere il vaccino obbligatorio non solo per gli insegnanti, ma anche per gli studenti dai 12 anni in su.

Oggi rientrano a scuola, secondo il calendario scolastico 2021/2022, gli studenti della provincia autonoma di Bolzano ed entro la fine di settembre tutti gli alunni italiani rientreranno in classe, motivo per cui la sicurezza è prioritaria.

Esiste già il piano per il rientro a scuola in sicurezza e se da una parte in questo vi rientra anche l’obbligo di green pass per gli insegnanti, non è escluso che presto possa essere introdotto l’obbligo di vaccino anche per gli studenti.

Vaccino obbligatorio per studenti e insegnanti se necessario

Il vaccino potrebbe diventare obbligatorio per gli studenti e gli insegnanti qualora fosse necessario.

Il ministro dell’Istruzione rispondendo alla domanda della giornalista di SkyTG24 circa l’obbligo di vaccino per gli studenti, come misura che il governo potrebbe adottare nei prossimi mesi, ha dichiarato:

“Siamo pronti in ogni condizione. Il governo userà tutti gli strumenti laddove fosse necessario.”

Il ministro fa riferimento anche alle parole del presidente del Consiglio Draghi nella conferenza stampa del 2 settembre.

Tuttavia, pur non escludendo che qualora la situazione lo richiedesse si potrebbe arrivare all’obbligo di vaccino anche per gli studenti e non solo per gli insegnanti, lo stesso si è appellato alla responsabilità individuale:

“Credo sia necessario fare appello alla maturità dei ragazzi, che più di tutti gli altri hanno risposto al nostro appello a vaccinarsi.”

Il ministro ha comunque informato che all’obbligo di vaccino per gli studenti e insegnanti si arriverà dopo attenta valutazione:

“Il governo responsabilmente userà tutti gli strumenti, ragioneremo e faremo tutte le verifiche. La sicurezza dei ragazzi è la sicurezza del nostro Paese, unica condizione per un rilancio vero e per tornare a vivere in una nuova normalità.”

A oggi ricordiamo che la vaccinazione contro il Covid è possibile per i cittadini dai 12 anni in su. Il governo per gli insegnanti ha già introdotto l’obbligo di green pass per entrare a scuola, che può essere ottenuto anche con il tampone. Chi non lo possiede viene sospeso senza stipendio al quinto giorno di assenza ingiustificata.

Questo provvedimento non subirà modifiche, come lo stesso ministro Bianchi ha sottolineato.

Vaccino obbligatorio studenti e insegnanti: via la mascherina

Il vaccino obbligatorio per studenti e insegnanti potrebbe portare ad avere classi di soli vaccinati il che introdurrebbe la possibilità di togliere la mascherina anche al banco.

Come sottolineato dal titolare del Miur se tutti sono vaccinati in classe la mascherina può essere tolta, al contrario resta obbligatoria dai 6 anni in su.

Il Miur, stando alle ultime indicazioni dell’Istituto Superiore di Sanità, ha previsto anche tamponi salivari a scuola per gli studenti di elementari e medie che non possono per età vaccinarsi.

I tamponi saranno somministrati su base volontaria nelle cosiddette “scuole sentinella”, e si tratterà pertanto di prelievi a campione.

Ricordiamo, tornando all’obbligo di vaccino per gli studenti e gli insegnanti, che a oggi sono il 38% della platea i ragazzi vaccinati con doppia dose, mentre il 23,7% quelli che hanno ricevuto solo la prima. Senza vaccino invece ci sono 1,7 milioni di studenti, pari al 38%. Per quanto riguarda invece gli insegnanti, coloro che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino, secondo quanto dichiarato da Bianchi la scorsa settimana ai giornalisti, sono il 91,5%.

Iscriviti a Money.it