Vaccino Covid-19, la maggioranza dei francesi non vuole farlo

Mario D’Angelo

27 Dicembre 2020 - 18:29

27 Dicembre 2020 - 18:32

condividi
Facebook
twitter whatsapp

La Francia è diventato uno dei Paesi al mondo più scettici nei confronti del vaccino anti coronavirus. Le autorità pensano alle contromisure.

Vaccino Covid-19, la maggioranza dei francesi non vuole farlo

È partita la campagna vaccinale contro il coronavirus in Francia come in tutta Europa, ma nel Paese rimane altissima la percentuale di persone che non ha intenzione di vaccinarsi. Secondo un sondaggio di BVA e WIN pubblicato oggi sul Journal du Dimanche.

Maggioranza dei francesi contraria al vaccino anti coronavirus

Secondo l’inchiesta circa le intenzioni di vaccinazione, condotta su 32 Paesi, soltanto il 44% dei francesi si dice favorevole al vaccino, e di questi solo il 13% è “certo” che lo farà. Solo in altri tre Paesi nel mondo l’intenzione di vaccinarsi contro il Covid-19 è minoritaria: Libano, Croazia e Serbia.

L’adesione al vaccino, al contrario, è maggioritaria negli Stati Uniti e in Germania, dominante nel Regno Unito e in Canada e schiacciante in Vietnam, India, Danimarca e Cina, anche se in quest’ultimo caso - fa notare il settimanale - la sincerità della risposta potrebbe essere messa in dubbio.

Chi sono i francesi contrari al vaccino

Sia in Francia che su scala planetaria, sono le donne le più scettiche nei confronti del vaccino. Oltralpe, fra coloro che si dicono favorevoli per il 55% sono uomini e per il 45% sono donne. Per il direttore generale aggiunto di BVA Édouard Lecerf dipende “senza dubbio dalla loro posizione sociale inferiore a quella degli uomini”. Il rifiuto della vaccinazione si riscontra fra le categorie meno favorite.

Un altro criterio è quello dell’età: più si è giovani, meno si è inclini alla vaccinazione. È favorevole il 28% di chi ha meno di 35 anni, la percentuale cresce al 38% fra i 45 e i 54 anni e sale al 67% per i maggiori di 65 anni d’età.

Le percentuale di scettici nei confronti del vaccino anti coronavirus preoccupa politici e scienziati. Per raggiungere l’immunità di gregge, infatti, è necessario che almeno l’80% della popolazione sia immune a lungo termine e, quindi, sia vaccinata.

Se la maggior parte dei francesi contrari non cambierà presto idea, il governo potrà prendere dei provvedimenti per indurre la popolazione a vaccinarsi, con le buone o con le cattive. Secondo un altro sondaggio, al momento, il 36% dei contrari al vaccino non cambierebbe idea per nessuna ragione.

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories