Vacanze a rischio: ecco le destinazioni da tenere sott’occhio causa Covid

5 Agosto 2021 - 20:28

5 Agosto 2021 - 23:42

condividi

Le vacanze risultano a rischio sia in Italia che all’estero. Per poter scegliere la meta più sicura ecco una lista di regioni e paesi a rischio.

Vacanze a rischio: ecco le destinazioni da tenere sott'occhio causa Covid

Ormai ci troviamo in piena estate e le vacanze per molti di noi si sono già concluse, per altri invece devono ancora iniziare. Con ferragosto alle porte molti italiani sono in trepida attesa per preparare la valigia e partire per le tanto agogniate vacanze.

Eppure la pandemia non si arresta e molte località sono a rischio sia in Italia che all’estero, a causa della diffusione sempre più elevata della Variante Delta.

Nonostante quindi i rischi di contagio per il 70% degli italiani l’emergenza Covid non condiziona le scelte di mobilità, come dimostrato dai dati raccolti dall’Osservatorio Autopromotec. Secondo lo studio l’emergenza sanitaria non condiziona gli italiani per la scelta del mezzo di trasporto con cui raggiungere la meta delle proprie vacanze. Eppure ormai si conoscono perfettamente le conseguenze dell’aumentare dei contagi.

Per questo è necessario prestare attenzione e conoscere qual è la reale situazione delle regioni in Italia e dei paesi all’estero, in modo tale da non rinunciare a una pausa estiva in completo relax ma scegliendo attentamente le proprie mete.

Vacanze in Italia: quali sono le regioni più a rischio

L’Italia, con le proprie bellezze naturali e città d’arte, risulta essere tra le mete preferite e non solo per la comodità di poter raggiungere in macchina la propria destinazione.

Nel dover scegliere la regione verso cui dirigersi per godersi le proprie meritate ferie è opportuno tener d’occhio i colori delle regioni. Per il momento l’Italia resta in bianco, ma due regioni cominciano a essere a rischio e avvicinarsi spaventosamente alla zona gialla: Sardegna e Sicilia.

A causa di alcuni cluster determinati dal traffico turistico le due regioni sono a rischio passaggio zona gialla, che comunque non dovrebbe avvenire prima della fine dell’estate. I requisiti da superare contemporaneamente sono tre:

  • incidenza superiore a 50 casi ogni 100 mila abitanti
  • occupazione delle terapie intensive al 10%
  • occupazione dei reparti ordinari del 15%

La Sardegna ha purtroppo già raggiunto il tasso di occupazione per Covid nelle terapie intensive del 10%, un numero che preoccupa, dato che solo mercoledì scorso era pari al 4%. Un raddoppio avvenuto in sono una settimana. L’occupazione invece dei letti ordinari è pari al 5%.

In Sicilia, la situazione non è meno grave, infatti i ricoveri ordinari si aggirano intorno all’11%. Oltre le isole ci sono altre Regioni da guardare con attenzione. Infatti il Lazio, nonostante abbia raggiunto il 70% degli adulti vaccinati, ha registrato il 5% di occupazione delle terapie intensive.

Altre a rischio sono la Liguria, che nel giro di una settimana ha raddoppiato l’occupazione delle terapie intensive, pari al 6,%, e la Calabria che invece si trova con il 9% di occupazione nei reparti ordinari.

Altre regioni da tenere sotto controllo, secondo Ecdc (European Centre for Disease Prevention and Control) sono la Toscana e le Marche.

Vacanze fuori dall’Italia: qual è la situazione all’estero?

Solo 1,5 milioni d’italiani ha scelto di recarsi all’estero, consci del rischio che corrono nel caso in cui venissero contagiati. Per poter programmare un viaggio all’estero in sicurezza giunge in aiuto la mappa dei contagi elaborata dall’Ecdc.

Vediamo quindi nel dettaglio quali sono i paesi più a rischio.

  • Spagna. La penisola iberica risulta essere non solo una delle mete più amate dagli italiani, ma anche una di quelle a rischio: alcune regioni infatti si sono colorate di rosso scuro sulla mappa Covid-19 dell’Ecdc. Tra queste risultano mete famose come Ibiza, Minorca e Palma e la Catalogna. Queste adesso presentano alcune norme di restrizione per i contagi tra cui il coprifuoco, la distanza sociale e la mascherina indossata in spazi pubblici.

A sua volta la Spagna considera a rischio italiani provenienti dalle regioni: Sardegna, Sicilia, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Provincia Autonoma di Trento, Toscana, Umbria e Veneto. Sarà quindi necessario il green pass.

  • Isole greche. Le isole dell’Egeo meridionale sono in rosso scuro. Qui la situazione si aggrava e sono sconsigliati tutti i viaggi salvo quelli di natura necessaria. Tra quelle passate in zona rossa troviamo le destinazioni più popolari della Grecia come Mykonos, Santorini e Rodi. Anche in Grecia sono state introdotte norme di restrizione come la mascherina in luoghi pubblici; sarà richiesto il green pass anche solo per sedersi all’interno di ristoranti e bar.
  • Marocco. Una delle mete più amate dagli italiani in Africa settentrionale è ora una di quelle più a rischio. Infatti da martedì sono tornate misure anti-Covid restrittive, come il divieto per chi è senza green pass di viaggiare verso la città più grande Casablanca e le due principali località turistiche più famose come Marrakech e Agadir. Anche qui il coprifuoco notturno è stato reintrodotto dalle 20 alle 5 di mattina.
  • Francia. La Francia presenta tutti i comfort di una vacanza, con discoteche e altro, solo se si è in possesso di un green pass, valido come certificato per visitare anche i musei, cinema. Dalla prossima settimana il green pass sarà necessario anche per potersi sedare al bar e le mascherine sono obbligatorie nei luoghi al chiuso.

Continuando la lista dei paesi all’estero è necessario sapere che è sospeso l’ingresso negli Stati Uniti per i viaggiatori che nelle due settimane precedenti siano stati in un paese dell’Area Schengen (quindi inclusa l’Italia), in Regno Unito, in Irlanda, in Brasile, in Sud Africa Cina o Iran. Il divieto d’ingresso per gli italiani è presente anche in Canada.

L’Australia invece da inizio pandemia ha vietato ingresso e uscita dal proprio paese, per adesso valida fino al 17 settembre 2021.

Argomenti

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Iscriviti a Money.it

Money Stories