Vacanze di Natale anticipate contro il Covid: scuole chiuse, ecco dove

Luna Luciano

12 Dicembre 2021 - 16:52

condividi

Il Governo continua a monitorare l’aumentano dei contagi, prendendo tempo, ma alcune scuole cominciano a chiudere, anticipando le vacanze di Natale. Ecco dove sta accadendo.

Vacanze di Natale anticipate contro il Covid: scuole chiuse, ecco dove

Boom di contagi e le scuole chiudono. A causa di un aumento vertiginoso dei casi Covid, il Governo dello stato di San Marino ha deciso di chiudere in anticipo tutte le scuole. La decisione è stata presa dopo la riunione tra il Governo e la Protezione Civile, nella sede della Segreteria di Stato all’Istruzione: chiusure scaglionate e ritorno in DAD.

In Italia invece il Governo Draghi prende tempo, monitorando con attenzione la curva epidemiologica. Al momento non sono previsti provvedimenti come quelli attuati a San Marino: Bianchi non pensa di chiudere, ma tutto dipenderà dai casi. Se si dovesse arrivare a 30mila contagi al giorno, scatterebbe l’allarme e il Governo potrebbe pensare di estendere il super green pass ai mezzi pubblici.

Vacanze di Natale anticipate a San Marino: boom di contagi

Chiudono le scuole e si torna in DAD per gli studenti di San Marino. Lo stop alle lezioni in presenza è solo uno dei provvedimenti per tentare di contrastare l’aumento dei casi, in vista anche del Natale.

Il Segretario di Stato alla Sanità, Roberto Ciavatta, ha annunciato il piano di chiusure scaglionate. Dal 18 dicembre resteranno chiusi asili nido, scuole dell’infanzia e scuole elementari. Successivamente chiuderanno le scuole medie, superiori, i centri di formazione professionale e le aule dell’Università di San Marino, per loro saranno previste lezioni a distanza in modo da chiudere tutto per il 23 dicembre.

La decisione è stata presa dopo l’aumento vertiginoso dei casi, che ha raggiunto un nuovo record di contagi l’11 dicembre, con 105 nuovi casi positivi, salendo a 478 totali sui 34mila abitanti; inoltre la mole di tamponi da effettuare è diventata quasi insostenibile per gli ambulatori del piccolo Stato. È per questo motivo che si chiude tutto a San Marino. Per le scuole italiane invece la situazione è ben diversa.

Covid e scuole: qual è la situazione in Italia?

Non sembra essere intenzionato a chiudere le scuole italiane il Ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi. Se a San Marino il Governo chiude le scuole, in Italia la situazione è ben diversa. La decisione spetta al Ministero dell’istruzione su
indicazione del Ministero della salute, che tiene sotto stretto controllo la curva epidemiologica.

Se lo scorso anno erano le Regioni a decidere in autonomia se chiudere o meno gli istituti, quest’anno la scelta sarà presa su scala nazionale. Gli enti locali potranno comunque valutare la chiusura di un plesso, se presenti troppi casi, o com’è accaduto alla scuola elementare De Amicis di Caserta, che ha chiuso per prevenzione, dopo che un alunno è entrato in contatto con la variante Omicron, stimata più contagiosa.

La situazione quindi è ancora in stato di valutazione, qualora dovessero verificarsi improvvisi aumenti di casi positivi il Governo deciderà il da farsi. Al momento però, come ha sottolineato Bianchi i contagi all’interno delle classi sono stati solo lo 0,4% del totale: la prova concreta che il protocollo anti-Covid attuato per le scuole sta funzionando.

È innegabile però che anche in Italia sia aumentata la mole di tamponi da analizzare, tant’è che il Governo Draghi per potenziare le attività di testing ha assicurato una struttura commissariale con 11 hub distribuiti nelle 8 Regioni più in difficoltà. La situazione però potrebbe cambiare, tant’è che alcuni ministri parlano di una possibile estensione del green pass rafforzato anche ai mezzi pubblici. Non resta che prestare attenzione alla curva epidemiologica.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it