UE sospende alcuni dazi e IVA: l’annuncio di Ursula von der Leyen

La Commissione Europea ha deciso di sospendere alcuni dazi e IVA per aiutare i Paesi membri nella crisi coronavirus. L’annuncio è arrivato da Ursula von der Leyen. I dettagli della novità sulle importazioni.

Nel pieno della crisi sanitaria per il coronavirus negli Stati europei, la Commissione UE ha deciso di sospendere alcuni dazi e il pagamento dell’IVA su importazioni di beni cruciali in questo momento di pandemia.

L’annuncio è arrivato direttamente dalla presidente Ursula von der Leyen, che ha sottolineato quanto l’approvazione della misura sia un sostegno per gli Stati in difficoltà nel reperire il materiale sanitario per ospedali e medici.

Anche il commissario all’Economia Paolo Gentiloni ha ribadito che tale esenzione dal pagamento di dazi e IVA per importazioni da Paesi terzi è stata valutata di vitale importanza per l’attuale lotta al coronavirus.

Dazi e IVA sospesi dall’UE per articoli sanitari importati: i dettagli

La Commissione UE ha accolto la richiesta dei Paesi membri e del Regno Unito di alleggerire i costi di importazione per gli articoli più richiesti in questo momento: i dispositivi sanitari, le attrezzature mediche e le protezioni per i medici.

Come specificato dalla von der Leyen, sarà applicata una sospensione dei dazi e del pagamento dell’IVA per importazioni da Paesi terzi, per esempio la Cina, sui seguenti prodotti: mascherine, tamponi, respiratori.

La disposizione avrà effetto retroattivo dal 30 gennaio al 31 luglio 2020, con possibilità di proroga.

L’obiettivo è di rendere immediatamente meno costosi questi articoli considerati vitali per affrontare la grave crisi sanitaria in atto. Quasi tutti i Paesi UE, infatti, stanno avendo gravi difficoltà nel reperire le attrezzature necessarie per curare i contagiati e proteggere i medici in azione.

Dalla Francia all’Italia, i Governi stanno pagando il prezzo delle carenze di approvvigionamento interno, dovendo fare ricorso necessariamente a importazioni dall’estero.

La presidente della Commissione UE ha dichiarato che questa decisione è:

“Una cosa positiva per gli ospedali e per le organizzazioni caritatevoli e un nostro contributo per alleggerire la pressione sui prezzi degli equipaggiamenti protettivi e medicali, per renderli più economici.”

In Italia, per esempio, una mascherina importata dalla Cina è gravata da un dazio del 12% e dell’IVA del 22%. A seguito della decisione UE sulla sospensione delle tariffe tale dispositivo costerà di meno al Paese.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories