Turchia: banca centrale taglia i tassi oltre le attese. Lira a picco

Violetta Silvestri

21 Ottobre 2021 - 14:50

La banca centrale turca resta fedele all’orientamento di Erdogan e taglia i tassi per la seconda volta e ben oltre le attese del mercato. La lira tocca nuovi minimi dopo la decisione. I dettagli.

Turchia: banca centrale taglia i tassi oltre le attese. Lira a picco

La banca centrale turca è nuovamente intervenuta sui tassi di interesse con un taglio ben oltre le previsioni dei maggiori analisti.

Con la scelta di abbassare per la seconda volta il tasso chiave di pronti contro termine a una settimana al 16%, l’istituto finanziario ha di fatto sposato la teoria - poco ortodossa - di Erdogan.

Negli ultimi tempi, il presidente turco è intervenuto in modo palese nella strategia di politica monetaria della banca centrale, che dovrebbe essere indipendente. Dopo aver cambiato diversi presidenti e membri, anche pochi giorni fa, Erdogan ha spinto sulla diminuzione dei costi di finanziamento per sostenere l’economia, nonostante l’inflazione a quasi il 20%.

Cosa ha deciso la banca centrale turca e quali conseguenze per l’economia della nazione?

Turchia: nuovo taglio dei tassi record, tonfo della lira

La lira turca è scesa a un minimo storico dopo che la banca centrale ha tagliato il suo tasso di interesse chiave per un secondo incontro consecutivo, nonostante il deterioramento delle prospettive di inflazione.

Nello specifico, Il Monetary Policy Committee ha ridotto il suo tasso chiave di pronti contro termine a una settimana di 200 punti base al 16%.

Tutti i 26 economisti intervistati da Bloomberg si aspettavano che il governatore Sahap Kavcioglu continuasse l’allentamento monetario dopo che Erdogan aveva licenziato i politici contrari alle sue richieste di ridurre i costi di finanziamento. Tuttavia, la maggior parte prevedeva una riduzione di 100 punti base.

Secondo la banca centrale, “il recente aumento dell’inflazione è stato guidato da fattori dal lato dell’offerta... fino alla fine dell’anno, i fattori transitori dal lato dell’offerta lasciano uno spazio limitato per l’adeguamento al ribasso del tasso di riferimento”.

La mossa pone il tasso repo a una settimana della banca centrale di circa 400 punti al di sotto dell’inflazione, erodendo l’attrattiva di detenere la valuta e lasciandola esposta ai cambiamenti nel sentimento di rischio globale.

L’inflazione è salita a poco meno del 20% a settembre, quattro volte l’obiettivo ufficiale. L’indice di Borsa Istanbul Banks ha esteso il suo calo al 2,6%.

Subito dopo la decisione, la lira turca è crollata di oltre il 2% a 9,4867 per dollaro USA.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Correlato

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo