Supplemento di pensione va richiesto, spettano arretrati?

Lorenzo Rubini

27 Maggio 2021 - 12:00

condividi

Per chi continua a lavorare dopo la pensione è necessario presentare domanda di supplemento di pensione per i contributi versati dopo la quiescenza.

Supplemento di pensione va richiesto, spettano arretrati?

I lavoratori che dopo il pensionamento continuano a lavorare e a versare contributi hanno diritto al supplemento di pensione. Ma se non si richiede, si ha diritto ad avere eventuali arretrati?

Rispondiamo alla domanda di un lettore di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno,
Vorrei avere informazioni circa la richiesta di un supplemento di pensione.
Mia madre (ora 84 anni) ha lavorato per anni in aziende private.
All’età di 55 anni ha iniziato a percepire una pensione, ma ha continuato a lavorare per altri 5 anni presso lo stesso datore di lavoro.
Non sapevo dovessimo chiedere all’INPS un supplemento di pensione.
Pensavo fosse loro cura la revisione della pensione spettante, comprensiva degli altri anni di lavoro.
Vorrei sapere se dovesse spettarle anche il riconoscimento degli arretrati.
Attendo una Vs risposta e ringrazio cordialmente.”

Arretrati supplemento pensione

Il supplemento di pensione, per il lavoratore che continua a lavorare anche dopo la decorrenza della pensione, deve essere esplicitamente richiesto. Non è, infatti, cura dell’INPS liquidarlo visto che si tratta di una domanda che può essere presentata solo ogni 5 anni.

Il lavoratore che non presenta domanda di supplemento di pensione, quindi, pur avendo continuato a versare contributi non si vedrà riconoscere nessuna somma aggiuntiva sulla pensione percepita.

Nel caso di sua madre, quindi, la domanda di supplemento può anche essere presentata ora, ma non le spetteranno arretrati per il periodo già trascorso dalla maturazione degli ulteriori anni di contributi. Il supplemento di pensione, infatti, non prevede il riconoscimento degli arretrati neanche nel caso che i requisiti per richiederlo fossero già maturati da anni.

Il ricalcolo della pensione spettante, quindi, non prevede la corresponsione di cifre pregresse e a sua madre non spettano gli arretrati mai richiesti ma, sicuramente, avendo versato 5 anni di contributi dopo il pensionamento ha diritto ad una cifra aggiuntiva sulla pensione già percepita dal momento in cui richiede il supplemento.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti a Money.it