ScuolaPay: il crowdfunding per le collette scolastiche è un successo

Giulia Adonopoulos

01/04/2019

La campagna di GrowishPay su 200Crowd per il potenziamento di ScuolaPay ha superato i 600mila euro di raccolta. Tutti i dettagli del progetto.

ScuolaPay: il crowdfunding per le collette scolastiche è un successo

Un altro bersaglio centrato per l’equity crowdfunding italiano: la campagna lanciata da GrowishPay su 200Crowd per implementare ScuolaPay ha raggiunto il target massimo di raccolta pari a 600.000 euro con qualche giorno di anticipo rispetto alla chiusura.

GrowishPay offre soluzioni di social payment per trasferire denaro tra utenti o pagare acquisti all’interno di un network. Si possono fare collette online per viaggi, regali di laurea, di compleanno, di nozze, raccogliendo l’importo su un wallet condiviso.

Dopo aver fatto crescere e consolidato il proprio business con Growish e ListaNozzeOnline.com, la scaleup italiana ha deciso di lanciarsi in un nuovo ambizioso progetto, rispondendo alle esigenze di 6,2 milioni di genitori che pagano 2,8 miliardi di euro l’anno per le attività scolastiche, tra gite, servizi, rette, contributi volontari e l’acquisto di materiali.

ScuolaPay: come funzionano le collette scolastiche online

ScuolaPay permette ai genitori di raccogliere denaro per l’acquisto di attrezzature, feste tra gli alunni e regali agli insegnanti (presto anche servizi e rette), e alle scuole di semplificare e automatizzare i pagamenti per ogni attività scolastica.

Per iniziare bisogna creare la raccolta, definire l’importo da raggiungere, la scadenza, le quote e le persone coinvolte. Dopodiché basterà inserire foto, luogo e documenti, e inviare l’invito a partecipare via email, sms, Facebook o WhatsApp.

Il pagamento della propria quota può essere fatto tramite carta di credito o prepagata (Visa, Mastercard, Postepay) abilitata al SecureCode o tramite bonifico.

I soldi raccolti vengono custoditi su un conto corrente elettronico a nome di chi ha organizzato la colletta che sarà l’unico a potervi accedervi e gestirla. Tutti i partecipanti possono vedere quanti soldi sono stati raccolti e quante persone sono state invitate e hanno già pagato. L’importo versato da ognuno però non è visibile pubblicamente.

Da settembre 2019 sarà disponibile una nuova versione per pagare in modo semplice e sicuro qualsiasi attività, integrata con PagoPA e con i migliori sistemi gestionali e di registro elettronico italiani.

La raccolta fondi su 200Crowd

Con la campagna di equity crowdfunding di GrowishPay, 200Crowd.com rafforza la sua practise specifica per il mercato fintech, settore nel quale il portale ha già raccolto più di 2.200.000 euro in meno di 6 mesi. L’anno scorso la piattaforma di Two Hundred ha ospitato un’altra campagna per un progetto di shared payment, quella di SplittyPay, da noi ribattezzata “il PayPal delle collette online”.

Claudio Cubito, Ceo e fondatore di GrowishPay, ha annunciato che alcuni degli investitori che hanno sostenuto la campagna di equity crowdfunding come “Fabio Cannavale di Boost Heroes, Veronica Mariani di Premiaweb, Federico Fulgoni di Fulgoni Consulting, Matteo Romano di The Boston Consulting Group e Riccardo Agostini, AD del Gruppo Spaggiari Parma, entreranno nell’Advisory Board della società mettendo al suo servizio le loro competenze”.

200crowd è uno dei portali di equity crowdfunding più attivi e di successo nel panorama italiano. Le opportunità di investimento proposte sulla piattaforma passano attraverso un attento processo di selezione che prevede anche l’utilizzo di un algoritmo proprietario di valutazione, che analizza decine di parametri quantitativi e qualitativi. Investire in startup e PMI innovative su 200crowd è semplice e accessibile a chiunque dal momento che la procedura è totalmente online e la somma minima è di 500€. Per saperne di più leggere Equity Crowdfunding: cos’è e come funziona.

Da non perdere su Money.it

Argomenti

# Scuola

Iscriviti a Money.it