Sanremo, quanto spende la Rai per i tamponi e il suo piano anti-Covid?

Laura Pellegrini

4 Marzo 2021 - 09:30

condividi
Facebook
twitter whatsapp

La Rai ha investito molto denaro per rispettare il protocollo sanitario che ha permesso lo svolgimento del Festival di Sanremo: tra tamponi rapidi e molecolari, ecco quanto spende in totale.

Sanremo, quanto spende la Rai per i tamponi e il suo piano anti-Covid?

Il Festival di Sanremo 2021 si svolge seguendo un protocollo dettagliato con le misure utili per contrastare la diffusione del Covid-19. Non si tratta soltanto di una gara senza pubblico, ma anche del rispetto di numerose restrizioni introdotte proprio per evitare il contagio tra cantanti, entourage e conduttori.

Ogni 72 ore ciascun partecipante al Festival deve effettuare il tampone per verificare la negatività al Covid-19. Oltre alle mascherine obbligatorie e al distanziamento sociale, è necessario arrivare all’Ariston già vestiti e con al massimo 2 accompagnatori al seguito.

Ma tra tamponi rapidi e molecolari, nel rispetto dei protocolli stabiliti, quanto spende la Rai per il Festival di Sanremo 2021? Ecco svelati i numeri.

Sanremo, quanto spende la Rai per il protocollo anti-Covid

La 71esima edizione del Festival di Sanremo 2021 si svolge in modo completamente diverso dalle precedenti edizioni. Oltre all’assenza del calore del pubblico in sala, è necessario adottare tutte le misure preventive per evitare il contagio tra i partecipanti e i collaboratori.

Il protocollo sanitario che la Rai deve rispettare prevede una serie di regole rigide alle quali devono sottostare conduttori, partecipanti e persino i collaboratori. Secondo quanto riporta la Stampa, la Rai avrebbe investito 400 mila euro soltanto per gestire i test da effettuare ogni 72 ore ai cantanti in gara, ma soprattutto per coloro che collaborano dietro le quinte. I lavori di montaggio e smontaggio del palco, infatti, si protrarranno fino al 14 marzo.

Inoltre, occorre considerare anche tutto il personale sanitario che la Asl 1 Imperiese ha messo a disposizione della kermesse (fuori dal normale orario di servizio), le tensostrutture e gli esami di laboratorio. Nel dettaglio:

  • per personale medico e infermieristico del Dipartimento dell’emergenza sono stati spesi 110 mila euro;
  • per i primi 4.500 tamponi (da inizio gennaio), sono stati spesi 118 mila euro;
  • le attività di laboratorio costano 85 mila euro;
  • l’attività intramoenia (ovvero al di fuori dall’orario di lavoro) dei medici costa alla Rai 43 mila euro;
  • gli altri tamponi necessari e obbligatori costano 25 mila euro.

Sanremo, quanto spende la Rai per i tamponi?

Impossibile definire con certezza la somma che la Rai sta spendendo per effettuare i tamponi a tutto il personale, ai cantanti, ai collaboratori che partecipano al Festival di Sanremo 2021. A questi, infatti, andrebbero aggiunti anche quelli effettuati al sindaco della città di Sanremo e alle forze dell’ordine che accedono all’Ariston in ciascuna serata: il totale andrebbe continuamente aggiornato.

Per quanto riguarda i tamponi, comunque, è possibile definire questi costi per la Rai:

  • chiunque entri all’Ariston - cantanti e conduttori compresi - deve sottoporsi a un test rapido ogni 72 ore, che ha un costo di 28 euro (il budget giornaliero è quindi di circa 10 mila euro);
  • nel caso in cui il test rapido risulti positivo, è necessario sottoporsi anche al tampone molecolare, che per la Rai costituisce un’uscita di 100 euro l’uno.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO