Riunione BCE: come operare sull’euro dollaro nel giorno di Draghi

I prezzi di Eur/Usd rispecchiano indecisione, nell’attesa di sentire le parole del governatore della BCE. Come sempre in questi casi, attenzione alla volatilità e ai falsi segnali

Riunione BCE: come operare sull'euro dollaro nel giorno di Draghi

Oggi è il giorno della riunione Bce e il cambio Eur/Usd denota indecisione, con le quotazioni ancora incapaci di superare la resistenza dinamica più importante tracciata con i massimi del 14 giugno e 9 luglio 2018.

La price action odierna del cambio dipenderà dalle parole usate dal presidente Mario Draghi in sede di conferenza stampa. Per l’Eurodollaro potrebbe essere la volta buona per uscire dalla zona di congestione che perdura ormai da più di 7 sedute.


Eur/Usd, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

L’attuale supporto a 1,1530 dollari è il livello da cui le quotazioni hanno abbozzato l’ultimo, timido, rimbalzo. Questo livello corrisponde al 50% del ritracciamento di Fibonacci disegnato dai minimi del 15 agosto fino ai massimi del 28 agosto scorso

L’importanza di tale livello, unito ai numerosi test della linea di tendenza resistenziale sopra menzionata potrebbero essere un altro segnale che le possibilità di una rottura rialzista. Se invece i gli operatori rialzisti dovessero venire delusi dal meeting odierno, lasciando andare così i corsi al di sotto di area 1,1570, si potrebbe assistere ad un incremento delle vendite, che potrebbe andare ad effettuare una rottura di 1,1530 parte inferiore della congestione.

Considerato il fatto che la volatilità odierna sarà alta, bisogna prestare la massima attenzione ai falsi segnali e non farsi prendere dalla fretta di entrare a mercato, visto che con ogni probabilità ci saranno dei repentini cambi di direzione accompagnati da false rotture.

Fai trading ora con eToro Demo gratuita

Strategie operative su Eur/Usd

Visto quanto emerso dall’analisi, si potrebbe utilizzare un time frame intragiornaliero, come il 4 ore, per cercare di trovare un miglior punto di entrata. A tal proposito, chiusure a 4 ore superiori a 1,1650 potrebbero venire interpretate come rialziste. Se si volesse adottare tale strategia, uno stop loss adeguato potrebbe essere posto a 1,1550, mentre l’obiettivo principale a 1,1760. L’obiettivo finale si potrebbe individuare a 1,1780.

Chiusure inferiori a 1,1565, sotto la media mobile a 200 periodi, potrebbero invece essere considerate indicazione di debolezza. Si potrebbe quindi inserire uno stop loss a 1,1650 mentre l’obiettivo principale sarebbe individuabile in area 1,1470. L’obiettivo finale si potrebbe trovare a 1,1430.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su analisi tecnica

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.