Pensione quota 100 sospesa per ’lavoro’: a cosa fare attenzione

Lorenzo Rubini

15 Giugno 2021 - 11:13

condividi

La quota 100 prevede il divieto di cumulo di redditi da lavoro con quelli da pensione. Attenzione, quindi, al contratto!

Pensione quota 100 sospesa per 'lavoro': a cosa fare attenzione

Il decreto 4/2019 che ha introdotto la quota 100 prevede una grossa limitazione per chi accede alla pensione con la misura: non possono essere cumulati redditi da lavoro con quelli da pensione, pena la sospensione del trattamento previdenziale nell’anno in cui è stato prodotto il reddito da lavoro.

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Gentile Money.it
Sono in pensione con quota 100 da novembre 2020. Nel febbraio 2021 un’amica mi propone di fare la comparsa in un film che giravano in zona. Per la comparsata ho ricevuto euro 194,00 lordi per due giorni di lavoro.
Ora l’INPS mi ha tolto la pensione per l’intero anno. Ho decisamente usato leggerezza nell’accettare il lavoro, fatto non certo per guadagno ma per gioco.
Non vi sembra la sanzione sproporzionata al «peccato» commesso?”.

Pensione quota 100 sospesa

Non si tratta di una sanzione quella applicata nei suoi confronti. La normativa, infatti, prevede un divieto di cumulo dei redditi da lavoro con quelli da pensione e molto probabilmente il contratto che ha firmato per fare da comparsa prevedeva lavoro subordinato o collaborazione.

Se, invece, avesse prestato lo stesso servizio sottoscrivendo un contratto di prestazione occasionale come lavoratore autonomo non avrebbe avuto la sospensione della pensione, perché la quota 100 prevede il cumulo con il lavoro autonomo occasionale per importi fino a 5mila euro l’anno.

La forma, quindi, è stata sbagliata, non l’importo percepito. Sicuramente ha accettato il tutto con troppa leggerezza senza considerare le conseguenze e senza accertarsi se poteva questo «lavoro» portare ad una sospensione del suo trattamento previdenziale oppure no, ma purtroppo, in tal senso la normativa parla chiaro fin dall’inizio.

Per essere certa che i provvedimenti presi nei suoi confronti siano stati in linea con la normativa, in ogni caso, può prendere in esame il contratto che ha sottoscritto per ricevere il compenso e se da esso non risulta che la prestazione sia autonoma e occasionale, purtroppo, l’INPS non ha fatto nulla di illecito o di sproporzionato ma ha solo applicato quanto previsto dalla normativa di riferimento.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti a Money.it