Pensione con 20 anni di contributi, quando prima dei 67 anni?

Lorenzo Rubini

27 Giugno 2021 - 08:23

condividi

Per alcune categorie dei lavoratori la pensione di vecchiaia può essere centrata prima del compimento dei 67 anni, vediamo perchè.

Pensione con 20 anni di contributi, quando prima dei 67 anni?

Per la generalità dei lavoratori la pensione di vecchiaia si centra con almeno 20 anni di contributi al compimento dei 67 anni. In alcuni casi, sempre al compimento dei 67 anni, basta sono 15 anni di contributi ed in alcuni casi, invece, i 67 anni di età non bastano ed è necessario attendere di compiere i 71 anni per avere diritto alla pensione di vecchiaia, ma in questo caso bastano meno anni di contributi.

Diciamo, quindi, che la normativa che regola la pensione di vecchiaia è abbastanza articolata ed il legislatore ha voluto inserire in questa moltitudine di regole anche alcune agevolazioni per i lavoratori invalidi che permettessero di centrare la pensione di vecchiaia con un congruo anticipo.

Pensione prima dei 67 anni

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Sono una malata oncologica ho invalidità del 85% con circa 25anni di contributi, perché ho fatto anche la mamma ed ho 65anni posso richiedere la possibilità di andare in pensione? Percepisco un’invalidità civile di 290euro al mese.”

Potrebbe esserci per lei la possibilità di andare in pensione fin da subito. Per i lavoratori che hanno invalidità pari o superiore all’80%, infatti, esiste la possibilità di accedere alla pensione di vecchiaia anticipata che richiede sempre un minimo di 20 anni di contributi ma un’età ridotta pari a:

  • 56 anni per le donne
  • 61 anni per gli uomini

Sia uomini che donne, poi, dal raggiungimento dei requisiti devono attendere una finestra di 12 mesi per avere diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico.

E’ da chiarire, però che questa misura è accessibile solo dai lavoratori che hanno versato i propri contributi nel fondo lavoratori dipendenti del settore privato e ne sono, quindi, esclusi sia i lavoratori autonomi che quelli del settore pubblico.

Se, quindi, quando ha svolto attività lavorativa lo ha fatto nel settore privato può provare a chiedere fin da subito il pensionamento con questa misura ricordandosi che dovrà sottoporsi, in ogni caso, a visita presso commissione medica INPS che dovrà valutare la sua invalidità pensionabile, visto il solo riconoscimento dell’invalidità civile non basta a dare diritto al pensionamento di vecchiaia anticipato.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti a Money.it