Pensione anticipata e finestra mobile, quando si presenta domanda?

Lorenzo Rubini

14/05/2021

19/05/2021 - 17:53

condividi

Quando va presentata domanda di pensione anticipata tenendo conto della finestra mobile che viene in parte lavorata?

Pensione anticipata e finestra mobile, quando si presenta domanda?

Quando bisogna presentare domanda di pensione per l’anticipata ordinaria prevista dalla Legge Fornero anche tenendo conto della finestra di attesa di 3 mesi? E se parte dei 3 mesi di finestra mobile vengono lavorati i contributi versati nel periodo sono conteggiati ai fini del calcolo della pensione?

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno, mi chiamo A., sono un artigiana (ho una pizzeria d’asporto)
Premessa:
il 18/10/2021 maturo 41anni e 10 mesi di lavoro. Ho messo in vendita la mia attività (sono in trattativa), per motivi fiscali dovrò cessare entro il 31/12/2021.
Il mio quesito è questo:
Maturando il diritto il 18/10/2021, inizierò a percepire la pensione dal mese di febbraio 2022. Visto che proseguirò la mia attività fino al 31/12/2021 quando dovrò fare domanda di pensione? I mesi in più rientrano nella finestra mobile?
Grazie”

Domanda di pensione con finestra mobile

La decorrenza della pensione anticipata è 3 mesi dopo il raggiungimento del requisito contributivo previsto che per le donne è di 41 anni e 10 mesi e per gli uomini un anno in più.

La finestra di attesa di 3 mesi, a discrezione del lavoratore può essere lavorata oppure no. Infatti, la normativa previdenziale di riferimento prevede l’accesso con 42 anni e 10 mesi di contributi (o 41 anni e 10 mesi) e non anche computando i 3 mesi di contributi che, ipoteticamente si maturerebbero durante la finestra di attesa.

In ogni caso il lavoratore che decidesse di smettere l’attività al raggiungimento del requisito contributivo si troverebbe a dover attendere i 3 mesi di finestra senza percepire lo stipendio e senza avere diritto alla pensione che, appunto, decorre trascorsa la finestra di questione.

Il lavoratore che decide, invece, di lavorare durante la finestra di attesa oltre ad avere diritto allo stipendio accedere alla pensione con 3 mesi di contributi in più. Nel suo caso, quindi, lavorando per un mese e mezzo dei 3 mesi di finestra accederà alla pensione anticipata con 41 anni 11 mesi e qualche giorno di contributi (i mesi maturati durante la finestra di attesa, quindi, concorreranno al calcolo della pensione spettante).

Per quanto riguarda la domanda di pensione le consiglio di presentarla a ridosso del raggiungimento del requisito contributivo (ottobre 2021) per avere la certezza che alla decorrenza del trattamento ci sia anche la liquidazione del primo pagamento. La domanda di pensione, infatti, non richiede la cessazione dell’attività lavorativa e si può, di fatto, presentare anche continuando a lavorare. La cessazione del rapporto di lavoro è richiesta esclusivamente per i lavoratori dipendenti (e non per gli autonomi) alla decorrenza del trattamento previdenziale.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti a Money.it