Pensione anticipata con 40 anni di contributi: quali opzioni di quiescenza?

Lorenzo Rubini

10 Aprile 2021 - 10:06

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Per chi ha accumulato un buon numero di anni di contributi le opzioni di pensionamento potrebbero essere molteplici.

Pensione anticipata con 40 anni di contributi: quali opzioni di quiescenza?

Per chi raggiunge i 41 anni di contributi le opzioni di pensionamento potrebbero essere addirittura più di una nel breve periodo, anche senza prendere in considerazione la quota 100 e la quota 41. Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno,
Sono una infermiera (diurnista), a giugno compio 60 anni, ho iniziato a lavorare nel 1980 (settembre).
Quali sono le mie opzioni per andare in pensione?
Grazie.”

Pensione con 40 anni di contributi

Fermo restando il diritto di accesso alla pensione di vecchiaia al compimento dei 67 anni, con 41 anni di contributi(che raggiunge a settembre 2021) la prima misura di pensionamento cui si pensa è la pensione anticipata per precoci che richiede, appunto, 41 anni di versamenti. Ma nel suo caso, non avendo i 12 mesi di contributi versati prima del compimento dei 19 anni, non si rientra nel lavoro precoce e, quindi, questa misura è da escludere a priori.

Ma le possibilità di lasciare il mondo del lavoro entro breve non mancano sicuramente. Se da una parte, infatti, potrebbe accedere fin da subito al pensionamento con l’opzione donna, dall’altra, a breve, maturerà il diritto alla pensione anticipata ordinaria. Ma andiamo con ordine.

Potrebbe presentare domanda di pensione con il regime sperimentale opzione donna subito, visto che al 31 dicembre 2020 aver raggiunto i requisiti richiesti per l’accesso di 35 anni di contributi versati e di aver compiuto i 58 anni di età. Nel suo caso, però, la misura sarebbe troppo penalizzante mancandole pochissimo al raggiungimento della pensione anticipata ordinaria.

Per la pensione anticipata ordinaria, infatti, alle donne bastano 41 anni e 10 mesi di contributi versati, requisito che lei raggiungerà verso le metà del prossimo anno: non val la pena, quindi, accettare una penalizzazione sulla pensione che potrebbe arrivare anche al 30% per potersi pensionare subito con l’opzione donna quando restando al lavoro per poco più di un anno avrebbe diritto alla pensione piena e senza penalizzazioni.

Queste appena descritte, nel suo caso, sono le alternative più veloci per accedere alla quiescenza.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter