Pensione a 67 anni: con 15 anni di contributi o versando i volontari?

Lorenzo Rubini

24 Marzo 2021 - 13:18

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Per chi al raggiungimento dei 67 anni non avrà contributi versati per 20 anni è lecito sperare nel pensionamento con una delle proroghe Amato o conviene versare i contributi volontari?

Pensione a 67 anni: con 15 anni di contributi o versando i volontari?

Per accedere alla pensione di vecchiaia al compimento dei 67 anni è necessario aver maturato almeno 20 anni di contributi. In alcuni casi specifici l’accesso è consentito anche con soli 15 anni di contributi grazie a delle deroghe contenute nella Legge Amato del 1992.

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Buona sera vorrei gentilmente sapere se possibile, io rientro nelle deroghe Amato ho 16 anni di contributi al 1992 e compirò 67 anni nel 2025 nel caso mi cambiano la legge posso versare gli altri 4 per arrivare ai 20 o come posso fare?”.

Pensione a 67 anni

In linea di massima non è stata annunciata una riforma previdenziale che vada a toccare anche le misure strutturali come la pensione di vecchiaia. Se dovesse esserci una riforma, quindi, che va ad inserire solo nuove possibilità di accedere alla pensione anticipata non si dovrebbe correre il rischio che la pensione di vecchiaia in deroga possa essere abolita.

Se nulla cambia, quindi, al compimento dei 67 anni potrà accedere alla pensione di vecchiaia con i contribuiti versati al 1992.

Mancando, però al compimento dei 67 anni ancora 4 anni, non si può escludere nulla a priori: magari il governo deciderà di mandare definitivamente in pensione la legge Fornero sostituendola con una nuova legge previdenziale che preveda anche l’abolizione delle deroghe previste dalla Legge Amato 1992.

In questo caso potrebbe perdere il diritto all’accesso alla pensione di vecchiaia perché non soddisfa il requisito minimo dei 20 anni ma potrebbe, al tempo stesso, ovviare al problema decidendo di versare volontariamente i contributi che le mancano per il raggiungimento dei contributi minimi richiesti.

Ma se decidesse di versare i contributi volontari, ad esempio, fra 2 anni impiegherebbe in ogni caso 4 anni a versarli tutti (perché non possono essere versati in un’unica soluzione) e il diritto alla pensione potrebbe slittare oltre i 67 anni.

E’ pur vero che se decidesse di versare i contributi volontari fin da subito dovrebbe farlo con la consapevolezza che dovrebbe poi versarli per tutti i 4 anni mancanti perché collocare contribuzione, anche volontaria, successivamente al 1992 le farebbe perdere il diritto alla pensione di vecchiaia con almeno 15 anni di contributi.

Deve valutare lei come muoversi ed in che tempistiche.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories