Pensione a 57 anni, quanto ancora si deve lavorare?

Lorenzo Rubini

12 Gennaio 2021 - 11:12

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Dopo una vita di lavoro è naturale pensare al pensionamento, soprattutto se ci si avvicina ai 60 anni. Vediamo le possibilità di pensionamento per chi ha versato abbastanza contributi.

Pensione a 57 anni, quanto ancora si deve lavorare?

Con l’avvicinarsi ai 60 anni è più che naturale iniziare a pensare alla pensione. Soprattutto se si è dedicata gran parte della vita al lavoro e, con gli acciacchi dell’età si fa più fatica a svolgere l’attività lavorativa.

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno, vorrei avere un un’informazione, se è possibile, per quanto riguarda la pensione ho 56 anni a giugno 2021 57 anni, sono 36 che verso i contributi di cui 5 come dipendente e 31 come titolare, quando posso andare in pensione che non ne posso più. Grazie”

Pensione anticipata a 57 anni

Nel suo caso, vista anche la giovanissima età, grosse possibilità di pensionamento nell’immediato non ce ne sono.

Non rientra, infatti, tra coloro che possono beneficiare della quota 100 per la quale, appunto, servono almeno 62 anni di età, per i quali le mancano ancora 5 anni abbondanti.

Ma non rientra neanche nella possibilità di accesso alla pensione con l’opzione donna, che seppur prorogata al 2021 permette l’accesso solo alle lavoratrici dipendenti che hanno compiuto almeno 58 anni e le lavoratrici autonome che ne hanno compiuti 59, entro il 31 dicembre 2020.

Nel suo caso, stante l’attuale normativa, il pensionamento più veloce è rappresentato dalla pensione anticipata ordinaria che richiede, per le donne almeno 41 anni e 10 mesi di contribuzione versata. Raggiungerebbe i requisiti di accesso fra circa, 6 anni, al compimento dei 63 anni di età.

Nel frattempo, però, può valutare cosa sarà previsto con la nuova riforma previdenziale che, a partire dal 1 gennaio 2022, dovrebbe prevedere una nuova misura flessibile che permetterà la pensione anticipata in sostituzione della quota 100, in scadenza alla fine di quest’anno. La misura in questione, infatti, potrebbe permetterle un pensionamento più veloce, anche se, ovviamente, al momento nessuno può prevedere quali requisiti saranno richiesti e se saranno previste penalizzazioni sull’assegno o meno.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories