Pensionamento a 65 anni: quali possono essere le misure che la permettono?

Lorenzo Rubini

9 Marzo 2021 - 11:47

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Per chi ha 65 vi sono possibilità di pensionamento anticipato o è necessario attendere la pensione di vecchiaia? Ovviamente dipende dai contributi versati.

Pensionamento a 65 anni: quali possono essere le misure che la permettono?

Per accedere ad un pensionamento anticipato non serve prendere in considerazione solo l’età anagrafica visto che nella maggior parte delle misure previdenziale tra i requisiti richiesti vi è anche quello contributivo.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Buon giorno chi ad aprile compie 65 anni e ha 35 anni di contributi, può fare domanda di pensione con quota 100? Grazie.”

Pensione a 65 anni

Come abbiamo già specificato in diverse altre occasioni la quota 100 non è soltanto il risultato della somma dei contributi con l’età visto che per l’accesso è richiesto il rispetto di due fondamentali paletti: aver compiuto i 62 anni di età ed aver maturato almeno 38 anni di contributi. Nel suo caso, quindi, non riuscendo a soddisfare il requisito contributivo, avendo soltanto 35 anni di contributi, l’accesso alla quota 100 non è consentito.

Quali possibilità di pensionamento ci sono con i suoi requisiti? Ferma restando la possibilità di accedere al pensionamento di vecchiaia al compimento dei 67 anni potrebbe anticipare la pensione solo nel caso che sia in possesso dei requisiti per accedere all’Ape sociale.

L’ape sociale, infatti, richiede almeno 63 anni di età, requisito da lei posseduto, e o 30 o 36 anni di contributi, in base al profilo di tutela di appartenenza. La misura, infatti, non è accessibile dalla generalità dei lavoratori visto che è destinata solo a coloro che rientrano in determinati profili.

Sono necessari 30 anni di contributi per:

  • lavoratori disoccupati che hanno terminato di fruire da almeno 3 mesi dell’intera Naspi spettante;
  • lavoratori invalidi con percentuale pari o superiore al 74%;
  • lavoratori che, al momento della domanda di pensione, assistono da almeno 6 mesi un familiare convivente con handicap grave ai sensi della legge 104 del 1992.

Sono, invece, necessari almeno 36 anni di contributi per i lavoratori gravosi.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories