Patente B 2017: esame, decurtazione, saldo punti e novità

Come prendere la patente B? La guida con le informazioni su procedure, costi, e quiz per la patente B. Inoltre, qui trovate tutto quello che vi serve sapere sui punti della patente e su come recuperarli.

Patente B 2017: esame, decurtazione, saldo punti e novità

La patente di guida italiana è un’autorizzazione amministrativa obbligatoria per condurre veicoli a motore sulle strade pubbliche.

La patente più conseguita è senza dubbio quella di tipo B con la quale si è autorizzati a guidare le comuni autovetture.

Dal luglio del 2003 anche per la patente B è stato introdotto il sistema a punti. Ogni conducente in possesso di patente ha a disposizione 20 punti, decurtati in caso di infrazioni stradali.

Qui trovate una guida completa sulla patente B, utile sia per chi vuole prendere la patente che per chi l’ha già presa ma vuole sapere come controllare il saldo punti e, nel caso gli siano stati decurtati, come fare per recuperarli.

Come prendere la patente B?

La patente B si può conseguire al compimento dei 18 anni.

Potete scegliere se prendere la patente B da privatisti, preparandovi da soli per i quiz della patente, oppure se iscrivervi ad una Scuola Guida.

Il nostro consiglio è di propendere per la seconda scelta, poiché le Scuole Guida offrono un ottimo supporto anche dal punto di vista burocratico sbrigando tutte le pratiche necessarie per il conseguimento della patente. Da qualche anno poi non ci sono più molte differenze di costo tra il prendere la patente B da privatista o iscrivendosi ad una Scuola Guida.

Dopo che vi siete iscritti ad una Scuola Guida, il procedimento per prendere la patente è il seguente:

  • una volta presentata la domanda per il conseguimento della patente riceverete una marca operativa. Questa è un’autorizzazione per sostenere l’esame teorico della patente;
  • l’esame della patente consiste in 40 quiz ai quali bisogna rispondere in 30 minuti. Le domande riguardano le regole del Codice della Strada, compresa la regolamentazione riguardante i segnali, la precedenza agli incroci, l’assicurazione e la manutenzione del veicolo;
  • l’esame è superato qualora non venga superato il limite di 4 errori consentiti dall’attuale normativa;
  • nei sei mesi di validità della marca operativa il candidato può ripetere l’esame per un massimo di due volte;
  • una volta superato il quiz per la patente, il candidato riceve un Foglio Rosa, valido per 6 mesi, che lo autorizza a prepararsi per l’esame di guida;
  • prima di sostenere l’esame pratico finale è obbligatorio sostenere almeno 6 ore di esercitazione con un istruttore abilitato e autorizzato. La Scuola Guida al termine delle esercitazioni rilascia un certificato con il quale è possibile prenotarsi per la prova pratica;
  • l’esame di guida, che va sostenuto almeno dopo un mese dal conseguimento del foglio rosa, se superato permette al candidato di ottenere la tanto desiderata patente B, che deve essere firmata con un pennarello indelebile.


A questo punto siete pronti per mettervi alla guida di un’auto, senza il supporto di un altro patentato. Ci sono dei vincoli però sia sulla cilindrata che sui kw delle auto per i neopatentati; per maggiori informazioni leggete la nostra guida dedicata alla normativa vigente per i neopatentati.

Quanto costa prendere la patente B?

Da quando è stato introdotto l’obbligo delle 6 ore di esercitazione alla guida, non ci sono più grandi differenze di costo tra chi prende la patente da privatista e chi si iscrive ad una Scuola Guida.

In quest’ultimo caso il prezzo varia dai 750 euro ai 900 euro e in questa cifra sono comprese:

  • spese d’iscrizione;
  • costi per la documentazione tecnico/legale da inviare alla Motorizzazione;
  • tasse per l’esame di pratica e di teoria;
  • costi per le lezioni di teoria;
  • costi per le esercitazioni alla guida.


Prendere la patente da privatista, invece, permette di risparmiare sia sulle spese d’iscrizione che sui costi per le lezioni di teoria. Il risparmio si aggira intorno ai 150€, per una spesa totale stimabile in 650 euro.

Quando rinnovare la patente B?

Così come le altre tipologie di patente, anche quella B ha una scadenza definita dalla legge. Una volta superata la data di scadenza, indicata nel punto 4b del documento, è obbligatorio fare il rinnovo della patente.
La durata della patente B varia a seconda dell’età anagrafica:

  • rinnovo ogni 10 anni fino al compimento del 50° anno di età;
  • rinnovo ogni 5 anni fino al compimento del 70° anno di età;
  • rinnovo ogni 3 anni fino al compimento del 80° anno di età;
  • rinnovo ogni 2 anni per gli anni successivi.


Per tutte le informazioni su come fare una volta che la patente B è scaduta, ecco la nostra guida su come fare il rinnovo della patente.

Decurtazione punti patente B

Ecco una tabella che spiega nel dettaglio quanti punti vengono sottratti dalla patente per ogni infrazione commessa. A tal proposito bisogna ricordare che per i neopatentati non titolari di un’altra patente superiore alla B, i punti per ogni singola violazione sono raddoppiati nei primi tre anni dal rilascio.

Qualora al conducente vengano accertate più violazioni per cui non sono previste sanzioni accessorie di sospensione o di revoca della patente, ma solo decurtazione di punteggio, dovranno essere sottratti massimo 15 punti.

Punti Infrazioni
1 Non far uso dei dispositivi di illuminazione o segnalazione visiva quando è prescritto; uso improprio dei fari; trasportare cose con eccedenza di carico non superiore ad 1 t. o al 10% per veicoli fino a 10 t; non avere ampia libertà di movimento nelle manovre, trasportare persone in soprannumero e trasporto irregolare di persone, animale e oggetti; trasportare persone in soprannumero sui veicoli a due ruote, ovvero violare le prescrizioni relative al trasporto di oggetti o trainare o farsi trainare con veicoli a due ruote; mancato rispetto di oltre il 20% il limite settimanale massimo dei periodi di guida per gli autisti di camion e autobus muniti di tachigrafo; mancato rispetto di oltre il 20% il limite settimanale massimo dei periodi di guida per gli autisti di camion e autobus non necessitanti di tachigrafo
2 Mancato rispetto della segnaletica, ad eccezione dei segnali di divieto di sosta e di fermata; sorpasso a sinistra di un tram in fermata in sede stradale non riservata; effettuare cambiamenti di direzione o di corsia per inversione di marcia o svolte senza osservare le prescrizioni imposte; sosta nelle corsie riservate al transito degli autobus o veicoli su rotaia; sosta o fermata negli spazi riservati a veicoli per persone invalide o in corrispondenza di rampe, scivoli o corridoi di transito; sosta negli spazi riservati alla fermata degli autobus o dei taxi; omettere di liberare la carreggiata o di segnalare ingombri provocati dal proprio veicolo; omettere di segnalare il veicolo fermo sulla carreggiata, fuori dei centri abitati con l’apposito segnale di triangolo; non utilizzare i dispositivi di protezione rifrangenti individuali; trainare veicoli in avaria senza adeguata segnalazione o violando le altre prescrizioni; trasportare cose in eccedenza di peso non superiore a 2 t. o al 20% della massa per veicoli sino a 10 t; trasporto di materie pericolose senza osservare le prescrizioni ministeriali per la tutela dei conducenti o dell’equipaggio e la adeguata compilazione dei documenti di trasporto e delle istruzioni di sicurezza; trasportare persone in sovrannumero sulle autovetture; mancato rispetto di oltre il 10% il limite giornaliero massimo dei periodi di guida per gli autisti di camion e autobus muniti di tachigrafo; mancato rispetto di oltre il 20% il limite settimanale massimo dei periodi di guida per gli autisti di camion e autobus muniti di tachigrafo; mancato rispetto delle disposizioni relative alle interruzioni di guida per gli autisti di camion e autobus muniti di tachigrafo; trainare veicoli, che non siano rimorchi, sulle carreggiate, sulle rampe, sugli svincoli, sulle aree di parcheggio di servizio e su ogni altra pertinenza delle autostrade; violare le prescrizioni per la circolazione sulle autostrade e sulle superstrade (lasciare in sosta i veicoli sulle autostrade o sulle aree di servizio o di parcheggio, esercitare attività di soccorso senza autorizzazione); violare le prescrizioni dei comportamenti durante la circolazione in autostrada o sulle superstrade (uscire dalle stesse autostrade o superstrade senza servirsi delle apposite corsie di decelerazione, cambiare corsia di marcia senza la preventiva segnalazione); ostacolo alla circolazione o accodamento alla marcia dei mezzi adibiti a servizi di polizia, antincendio e autoambulanze; mancato rispetto di oltre il 10% il limite giornaliero massimo dei periodi di guida per gli autisti di camion e autobus non necessitanti di tachigrafo; mancato rispetto di oltre il 20% il limite settimanale massimo dei periodi di guida per gli autisti di camion e autobus non necessitanti di tachigrafo; mancato rispetto delle disposizioni relative alle interruzioni di guida per gli autisti di camion e autobus non necessitanti di tachigrafo; non osservare gli obblighi previsti in caso di incidente, come la salvaguardia, la sicurezza della circolazione ed il mantenimento dello stato dei luoghi e delle tracce; in incidente con soli danni a cose evitare intralcio alla circolazione, fornire le proprie generalità
3 Superare i limiti di velocità di oltre 10 km/h e di non oltre i 40 km/h; mancato accertamento delle condizioni per effettuare il sorpasso; non osservare le distanze di sicurezza nei confronti di determinate categorie di veicoli, non osservare la distanza di sicurezza con conseguente collisione con soli danni a cose; far uso dei fari abbaglianti in condizioni vietate; non osservare le prescrizioni di sistemazione e segnalamento di carico sul veicolo e omettere le cautele nel trasporto di carichi sporgenti; trasportare cose con eccedenze di carico non superiori a 3 t., o al 30% della massa a pieno carico per veicoli sino a 10 t.; circolare con autocarri adibiti a trasporto di veicoli, di animali, di container, macchine agricole o operatrici e balle di paglia e fieno con eccedenze consentite in altezza sulle strade larghe meno di 6,50 mt. ovvero aventi opere di sottovia con franco libero superiore a 20 cm; mancato rispetto di oltre il 10% del periodo minimo di riposo settimanale per gli autisti di camion e autobus muniti di tachigrafo; mancato rispetto di oltre il 10% del periodo minimo di riposo settimanale per gli autisti di camion e autobus non necessitanti di tachigrafo; mancato rispetto degli obblighi verso funzionari, ufficiali e agenti
4 Circolare contromano (non in curva); omettere di occupare la corsia più libera a destra, sulle strade con carreggiata a due o più corsie; caduta o spargimento sulla carreggiata di materie viscide ed infiammabili o che potrebbero causare pericolo; trasportare cose con eccedenza di carico superiore a 3 t., o superiore al 30% della massa complessiva per i veicoli fino a 10 t.; trasportare merci pericolose con eccedenza di carico rispetto al limite consentito; trasportare persone in sovrannumero sui veicoli adibiti abusivamente a taxi o a noleggio; circolare in autostrada con veicolo avente carico disordinato, non saldamente assicurato ovvero con carico suscettibile di dispersione perché non coperto adeguatamente; non fermarsi in incidente con soli danni a cose causato dal proprio comportamento; violazione dell’obbligo di consentire al pedone attraversamento di una strada sprovvista di strisce pedonali
5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione; violare gli obblighi relativi alla precedenza; mancato rispetto delle regole di sorpasso; non osservare le distanze di sicurezza con conseguente collisione e gravi danni ai veicoli; comportamento irregolare o pericoloso nei passaggi ingombrati e nelle strade di montagna causando gravi danni a veicoli; condurre un motociclo o una motocarrozzetta senza casco, con casco irregolare o non allacciato, ovvero trasportare altro passeggero in tali condizioni; mancato allacciamento delle cinture del conducente e/o del trasportato minorenne o mancato uso dei seggiolini per bambini; alterare il corretto uso delle cinture; usare cuffie o apparecchi radiotelefoni durante la guida e mancato utilizzo delle lenti se prescritte; mancato rispetto di oltre il 10% del periodo minimo di riposo giornaliero per gli autisti di camion e autobus muniti di tachigrafo; mancato rispetto di oltre il 20% del periodo minimo di riposo giornaliero per gli autisti di camion e autobus muniti di tachigrafo; mancato rispetto di oltre il 10% del periodo minimo di riposo giornaliero per gli autisti di camion e autobus non necessitanti di tachigrafo; mancato rispetto di oltre il 20% del periodo minimo di riposo giornaliero per gli autisti di camion e autobus non necessitanti di tachigrafo; circolare con tasso alcolemico accertato superiore a 0 e non superiore a 0,5 gl per conducenti < 21 anni, neo patentati cat. B, per trasporti professionali di persone e di cose, di veicoli > 3,5t, di veicoli con rimorchio con MCPC > 3,5, di autobus, di autoarticolati, di autosnodati
6 Mancata osservanza dello stop; passaggio con semaforo rosso o agente del traffico; violare gli obblighi di comportamento ai passaggi a livello; superare i limiti di velocità di oltre 40 km/h, ma non di oltre 60 km/h
8 Mancato rispetto della distanza di sicurezza che abbia causato un incidente con lesioni gravi; comportamento irregolare o pericoloso nei passaggi ingombrati e nelle strade di montagna che abbia causato gravi lesioni a persone; fare inversione di marcia in prossimità o in corrispondenza degli incroci, delle curve o dei dossi; violare l’obbligo di precedenza ai pedoni; violazione dell’obbligo di consentire al pedone in stato di invalidità o a bambini e anziani l’attraversamento di una strada
10 Superare i limiti di velocità di oltre 60 km/h; circolare contromano nelle curve, sui dossi o in condizioni di limitata visibilità o su strada divisa in carreggiate separate; sorpasso effettuato in situazioni gravi e pericolose (curve, dossi, incroci etc..); sorpasso per veicoli pesanti (> 3.5t); sorpasso di veicoli fermi ai semafori, ai passaggi a livello o incolonnati, di tram o filobus fermi; sorpasso di veicolo che sta a sua volta già sorpassando; trasporto di materie pericolose senza autorizzazione o in violazione delle prescrizioni; trasporto di materie pericolose senza osservare le prescrizioni ministeriali relative ad idoneità tecnica e dispositivi di equipaggiamento dei veicoli; mancato rispetto di oltre il 20% del periodo minimo di riposo giornaliero e del limite giornaliero dei tempi di guida per gli autisti di camion e autobus muniti di tachigrafo; fare inversione di marcia in autostrada o sulle strade extraurbane principali o procedervi in contromano; effettuare retromarcia in autostrada; circolare in autostrada o sulle strade extraurbane principali sulle corsie di emergenza e d’immissione ed uscita fuori dai casi previsti; mancato rispetto di oltre il 20% del periodo minimo di riposo giornaliero e del limite giornaliero dei tempi di guida per gli autisti di camion e autobus non necessitanti di tachigrafo; veicolo sprovvisto di cronotachigrafo o limitatore di velocità; guidare in stato di ebbrezza; guida in condizioni di alterazione fisica e psichica correlata a sostanze stupefacenti; darsi alla fuga in incidente con gravi danni ai veicoli causato dal proprio comportamento; darsi alla fuga in incidente con lesioni a persone causato dal proprio comportamento; forzamento del posto di blocco dove il fatto non costituisca reato

Verifica dei punti sulla patente

Come si fa a sapere quanti punti ho sulla patente? In molti, spesso, si fanno questa domanda e la risposta è semplice:

  • tramite il sito www.ilportaledellautomobilista.it, effettuando il login;
  • contattando il numero 848782782 da apparecchio fisso al costo di una chiamata urbana, secondo le tariffe del proprio gestore telefonico.

Come si recuperano i punti sulla patente?

Una volta verificati i punti, come si fa a recuperare quelli persi? Dipende se la perdita dei punti è parziale o totale.

Per coloro che non subiscono la decurtazione dei punti entro un certo limite di tempo scatta un sistema premiante.

Se per due anni consecutivi non si subisce al decurtazione dei punti è prevista la nuova attribuzione del punteggio iniziale. Per i titolari di patente di guida che per due anni almeno hanno mantenuto i 20 punti, non subendo decurtazioni, è previsto l’accreditamento di 2 punti fino al raggiungimento del tetto massimo di 30 punti.

Da circa quattro anni è stato introdotto anche un altro meccanismo per i patentati da meno di tre anni: se non vengono commesse violazioni con decurtazione di punti, ogni anno sarà loro accreditato un punto, sino ad un massimo di tre.

Recuperare i punti della patente richiede la partecipazione a dei corsi specifici, con obbligo di esame finale, presso le autoscuole o i centri autorizzati dal Ministero dei Trasporti.

Secondo quanto riportato dal sito del Ministero questi corsi consentono di recuperare:

  • 6 punti ai possessori di patente A o B;
  • 9 punti ai possessori di patente C, C+E, D, D+E o la patente B con il certificato di abilitazione professionale.

Se invece avete perso tutti i punti sulla patente scatta l’obbligo di revisione della patente. Come funziona?

L’automobilista riceve una lettera del Ministero che lo invita a rifare entro 30 giorni gli esami previsti per il rilascio della patente.

In questo periodo transitorio è possibile circolare, al contrario, qualora gli esami non venissero sostenuti o superati, la patente viene sospesa a tempo indeterminato.

Ovviamente l’esito positivo all’esame sostenuto comporta la riassegnazione dei 20 punti iniziali.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Patente

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.