Password Checkup: come scoprire se il tuo account è sicuro

Password Checkup è il nuovo tool di Google per scoprire se le tue password sono sicure o se sono state rubate: ecco come funziona e come verificare il tuo account.

Password Checkup: come scoprire se il tuo account è sicuro

Google protegge il tuo account con Password Checkup, un tool utile per scoprire se le tue password sono sicure o se i tuoi profili sono state violati, manomessi o spiati da alcuni malintenzionati.

Password Checkup viene introdotto come una nuova funzione che va a integrare il già ottimo e apprezzato “Gestore di Password di Google”, che raduna e mette a disposizione degli utenti tutte le proprie parole di sicurezza. Questa estensione permetterà di effettuare un’analisi rapida degli accessi effettuati andando a scoprire eventuali violazioni o manomissioni dei nostri account di sicurezza.

Uno strumento utile per monitorare e proteggere i tuoi profili e rilevare immediatamente qualunque tipo di violazione informatica: ecco come funziona.

Password Checkup: come funziona il proteggi account

Il tool in questione funziona in modo estremamente semplice ed è disponibile sia via desktop che via mobile.

Collegandosi a questa pagina sarà possibile sfruttare tutte le possibilità fornite da Password Checkup: il tool effettua un controllo incrociato di tutte le password inserite all’interno del sistema mettendole a confronto anche con tutte quelle trapelate in rete in seguito a eventuali violazioni informatiche.

I controlli di Google sono estremamente approfonditi: Password Checkup effettua analisi anche nei meandri più oscuri del web, come il Deep e il Dark Web. In questi portali finiscono spesso in vendita numerose password trafugate a insaputa di utenti, con interi profili che vengono spesso acquistati in blocco.

Usarlo è semplicismo: nella parte superiore della pagina è sufficiente cliccare “Controlla password” per permettere alla grande G di verificare istantaneamente tutte le parole chiavi salvate.

Se presente, potrebbe essere richiesta un’autenticazione a due fattori che permette di verificare l’identità esatta di chi sta facendo la richiesta di controllo.

Le password analizzate vengono poi divise in tre sezioni differenti:

  • password compromesse
  • password riutilizzate
  • password inefficaci.

La leggenda di queste categorie è abbastanza evidente: nella prima vengono indicate tutte le password non sicure, rubate e da cambiare. Nelle altre due invece vengono raggruppate eventuali password già utilizzate o poco sicure (magari non contenenti caratteri alfanumerici o maiuscole).

Cambiare password permetterà di rendere più sicuri i vostri account e grazie all’attento monitoraggio offerto da questo sistema sarete sempre sicuri di evitare brutte sorprese.

Ti potrebbe interessare WhatsApp: come proteggere le chat e bloccarle con password

Argomenti:

Google Password App

Iscriviti alla newsletter

Money Stories