A Natale posso invitare due persone non conviventi tra loro?

Antonio Cosenza

23 Dicembre 2020 - 10:32

23 Dicembre 2020 - 20:05

condividi
Facebook
twitter whatsapp

La deroga per gli spostamenti contenuta dal Decreto Natale consente di invitare a casa altre due persone: ma queste devono essere conviventi?

A Natale posso invitare due persone non conviventi tra loro?

Secondo quanto disposto dal Decreto Natale, due persone possono spostarsi di casa per ritrovarsi verso un’altra abitazione. La domanda che molti si fanno è: le due persone che si spostano devono essere necessariamente conviventi tra di loro?

Ad esempio: ho due amici che non vivono sotto lo stesso tetto, ma voglio invitarli a passare il Natale a casa con me. È possibile questo? La risposta è contenuta nel testo del Decreto Legge del 18 dicembre, con il quale viene data la possibilità di spostarsi - anche fuori dal Comune ma comunque all’interno dei confini regionali - per andare a trovare altre persone, nel limite di due persone al netto dei non conviventi.

Questo significa che è possibile invitare a casa al massimo due persone non conviventi (ma non ci sono comunque sanzioni per chi ne invita di più) ma non ci sono indicazioni rispetto al fatto che queste due debbano essere per forza conviventi tra loro.

Le due persone che si spostano devono essere per forza conviventi?

Per rispondere a questa domanda partiamo da quanto indicato dal Decreto Natale in merito alla possibilità di uscire di casa per andare a trovare altre persone. Nel dettaglio, qui si legge che:

Durante i giorni compresi tra il 24 dicembre 2020 e il 6 gennaio 2021 e’ altresì consentito lo spostamento verso una sola abitazione privata, ubicata nella medesima regione, una sola volta al giorno, in un arco temporale compreso fra le ore 05,00 e le ore 22,00, e nei limiti di due persone, ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la potestà genitoriale e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi.

Nel testo, quindi, non si leggono di riferimenti al fatto che le due persone che si spostano devono essere per forza conviventi tra di loro. Questo significa che possono spostarsi verso una terza abitazione anche due persone non conviventi tra di loro. L’importante è che al termine degli spostamenti all’interno della stessa abitazione non ci siano più di due persone al netto dei non conviventi.

Lo spostamento verso la terza abitazione può essere effettuato sia con due vetture che con una sola. In poche parole vi è la possibilità per uno degli amici di passare a prendere l’altro per poi recarsi presso l’abitazione che ospiterà l’incontro. Ma attenzione: ricordate che il Decreto Natale permette uno spostamento verso una sola abitazione al giorno. Di conseguenza non vi è la possibilità di fermarsi a casa dell’amico che si passa a prendere, con questo che preferibilmente dovrebbe farsi trovare su strada.

Le persone Under 14, disabili o non autosufficienti devono essere parenti?

Discorso differente per gli Under 14.

Come si legge nel Decreto Natale, infatti, nel conto delle due persone non conviventi non si prendono in considerazione Under 14, disabili o persone non autosufficienti. Ebbene, nel caso dei minori di 14 anni viene chiaramente detto che su questi bisogna che anche una sola delle persone che si sposta eserciti la potestà genitoriale. Quindi, nel caso dei due amici suddetti, questi possono portare anche i loro figli purché questi abbiano meno di 14 anni.

Non vi è, invece, alcun legame di parentela tra disabili e persone non autosufficienti ma viene specificato che questi devono per forza convivere con una delle due persone che si spostano.

Argomenti

# DPCM
# Natale

Iscriviti alla newsletter

Money Stories