I migliori mutui a tasso fisso e variabile di dicembre 2020

Stefano Tempera

2 Dicembre 2020 - 17:30

condividi
Facebook
twitter whatsapp

I mutui acquisto casa fino al 100% più convenienti di dicembre 2020. Vediamo quali sono le banche che propongono i migliori tassi e le condizioni più vantaggiose di fine anno.

I migliori mutui a tasso fisso e variabile di dicembre 2020

Migliori mutui a tasso fisso e variabile, dicembre 2020 - Continuano le offerte da parte delle banche che stanno promuovendo in questo fine 2020 i mutui più convenienti della storia. Con i parametri di riferimento Euribor e Eurirs ai minimi livelli, oggi è possibile sottoscrivere un mutuo acquisto casa a tasso variabile a partire da 0,20%. Rimane un buon momento anche per rinegoziare il vecchio mutuo o passare ad una nuova banca tramite la surroga mutuo.

I tassi di interesse ai minimi storici trainano la voglia di comprare casa con un mutuo. Nonostante l’incertezza del momento, caratterizzato dalla pandemia in corso, il mercato immobiliare, dati alla mano, ha dimostrato di reggere il confronto con il 2019, che tra l’altro era stato un anno record.

C’è prudenza da parte degli operatori del settore bancario e immobiliare, ma un eventuale vaccino potrebbe avere un impatto positivo sui mutui e sulle compravendite di case già a partire dal 2021.

Al momento, continua da parte degli italiani la preferenza verso il tasso fisso, che grazie all’indice IRS ai minimi livelli, oggi garantisce una rata bloccata per i prossimi anni al di sotto dello 0,50%. Questo significa che per un mutuo di 100.000 euro in 20 anni la rata mensile sarebbe pari a 437,93 euro e il totale da rimborsare sarebbe di 105.103,20 euro, ovvero circa 20 euro al mese di interessi passivi.

I migliori mutui acquisto casa di dicembre 2020

Tutte le banche stabiliscono un rating di merito nel momento in cui propongono un’offerta alla clientela. In particolare, per avere un preventivo di mutuo personalizzato è importante comunicare all’istituto di credito l’LTV (Loan to value), ovvero l’importo del finanziamento rispetto al valore dell’immobile che si intende ipotecare. Ad esempio, se si avesse bisogno di un mutuo ipotecario di 50.000 euro e la casa costasse 100.000 euro, si richiederebbe un mutuo con LTV 50%, con il vantaggio di usufruire di una riduzione del tasso di interesse, mentre se si avesse la necessità di ottenere un mutuo 100%, superando la soglia massima comune di diversi istituti di credito, pari all’LTV 80%, si otterrebbe un tasso più elevato.

Di seguito analizzeremo le migliori offerte relativamente a tutte le tipologie di mutuo. Vedremo quali sono i migliori mutui di dicembre 2020 per un importo di mutuo che non superi l’LTV 50%, scopriremo i mutui più convenienti fino all’80% del rapporto prestito/valore dell’immobile ed infine valuteremo quali sono i mutui fino al 100% più vantaggiosi del momento, e quali banche li concedono.

Migliori mutui a tasso fisso e tasso variabile (LTV 50%)

Il mutuo acquisto casa di importo inferiore al 50% del valore dell’immobile da ipotecare permette di avere i tassi più bassi presenti sul mercato. In questa fase in cui gli indici Eurirs sono ai minimi storici, le richieste di mutuo con rata fissa vanno per la maggiore. Oggi, infatti, oltre i due terzi di chi richiede un mutuo in Italia sceglie il mutuo a tasso fisso. Il principale vantaggio dei mutui a rata costante è determinato dall’inesistenza del rischio di aumento dei tassi, anche se in futuro gli indici di riferimento dovessero salire.

I migliori mutui a tasso fisso del mese di dicembre con LTV fino al 50% partono da uno 0,28%. In particolare Credem Banca propone un tasso legato all’IRS 15 anni (oggi fissato a 0,04) oltre ad uno spread dello 0,32. Altre banche come BNL, Unicredit e Crédit Agricole applicano un tasso finito pari a 0,50% per una durata di 15 anni e fino ad un massimo dell’1% per una scadenza a 30 anni di ammortamento.

Tra le proposte di mutuo a tasso variabile più convenienti di fine 2020 troviamo quelle di Credem Banca, che applica un tasso dello 0,22% per durate sia di 20 che di 30 anni. Anche in questo caso la banca calcola in modo algebrico l’Euribor negativo, sottraendo lo spread, nello specifico pari a 0,75, all’indice trimestrale, oggi fissato a -0,53.

Per un mutuo di durata 20 anni, Unicredit propone un tasso dello 0,27%, Crédit Agricole ha un tasso dello 0,43%, Bper Banca applica un tasso dello 0,52%, mentre Intesa Sanpaolo e BNL offrono un tasso dello 0,65%.

Migliori mutui a tasso fisso e tasso variabile (LTV 80%)

Per importi di mutuo fino all’80% del valore dell’immobile si segnalano le proposte di Unicredit, che per una durata di 25 anni propone un tasso variabile dello 0,47% (Euribor 3 mesi + spread 1,00) e di Crédit Agricole, con un tasso pari a 0,61% (Euribor 3M + 1,14). A seguire troviamo le offerte di BNL, con un tasso indicizzato dello 0,75% (Euribor 3M + 1,30), e di Intesa Sanpaolo, con un tasso dello 0,85% (Euribor 3M + 1,35).

Per quanto riguarda i mutui a rata fissa più convenienti di questa parte finale dell’anno, diversi istituti propongono tassi al di sotto dell’1% per durate fino a 20 anni, come Banco BPM, che applica un tasso dello 0,84%, e BNL, così come Crédit Agricole promuovono un tasso dello 0,85%. Per scadenze di mutuo a 25 anni gli stessi istituti appena menzionati applicano un tasso fisso pari all’1,00%, mentre Ubi Banca e Intesa Sanpaolo propongono un tasso finito dell’1,25%.

Migliori mutui al 100% a tasso fisso e tasso variabile

Chi vuole acquistare un immobile tramite mutuo fino al 100% può presentare richiesta presso gli istituti di credito che finanziano l’intero prezzo dell’immobile. Non tutte le banche concedono mutui 100% per il vincolo della fondiarietà. Infatti, come stabilito dal codice civile, il finanziamento per l’acquisto di un’abitazione non può superare il limite dell’80%.

Tuttavia, grazie ad alcune iniziative, tra cui l’adesione al Fondo di garanzia prima casa gestito da Consap, vari istituti possono finanziare un mutuo totale, anche se è bene precisare che recentemente, con la legge n. 126 del 13 ottobre 2020, sono state apportate delle modifiche sostanziali che consentono solo ad alcune categorie di poter accedere al Fondo, tra cui:

  • i giovani di età inferiore ai 35 anni titolari di un rapporto di lavoro atipico;
  • le coppie coniugate da almeno due anni in cui uno dei componenti non abbia superato i 35 anni di età;
  • le famiglie con un solo genitore convivente con almeno uno dei suoi figli minorenni;
  • gli inquilini di un alloggio di proprietà degli Istituti autonomi per le case popolari.

Chi non rientra in queste categorie può comunque ottenere un mutuo fino al 95% con diversi istituti di credito che propongono tassi competitivi. Per esempio, Intesa Sanpaolo, BNL, Credem Banca, Crédit Agricole e Banca ING applicano un Tan e Taeg intorno al 2%, l’occasione ideale per tante famiglie che hanno intenzione di comprare una casa pur non avendo a disposizione una somma importante di denaro da utilizzare come anticipo per la compravendita dell’immobile.

Argomenti

# Banche
# Mutuo

Iscriviti alla newsletter

Money Stories