Arrivano novità importanti da Mercedes. La casa automobilistica tedesca ha rivelato che si ritirerà dalla corsa per lo sviluppo della guida autonoma ed eviterà di trasformarsi in una società di mobilità, come invece stanno facendo molte altre case automobilistiche.

Mercedes dice stop alla guida autonoma

Sotto la guida di Dieter Zetsche, Mercedes era stata una delle prime case automobilistiche a cimentarsi nello sviluppo della guida autonoma. Le cose però sembrano essere cambiate con il suo successore. Infatti il nuovo numero uno del gruppo tedesco Ola Källenius reputa che la società di Stoccarda abbia altre priorità in questo momento.

Per Ola Källenius ci sono alte priorità in questo momento

Secondo il nuovo amministratore delegato di Mercedes per il momento è meglio concentrarsi sull’incremento dei profitti piuttosto che sulle innovazioni tecnologiche. Del resto anche i tedeschi hanno sofferto per la crisi causata dalla pandemia di coronavirus che ha causato non pochi cambiamenti nelle strategie del produttore di Stoccarda.

Secondo le dichiarazioni di alcuni dirigenti del gruppo tedesco, l’idea di trasformare il marchio della Stella in una società di mobilità è ormai un qualcosa che fa parte del passato. Con Källenius al timone, Mercedes ha ridotto i propri investimenti in ricerca e sviluppo e le cose non sembra che miglioreranno nei prossimi anni.

Lo sviluppo della guida autonoma sta incontrando non poche difficoltà

Per quanto riguarda la guida autonoma, il suo sviluppo sta incontrando non poche difficoltà, tanto che in Germania i test sono al momento in una fase di stallo. Solo negli Stati Uniti si continua a lavorare per portare la tecnologia in strada con Waymo di Google che ha recentemente iniziato a offrire corse su strade pubbliche in robo-taxi a guida autonoma. Tuttavia anche li vi sono stati problemi. Basti pensare agli incidenti mortali che hanno coinvolto auto a guida autonoma e che hanno sollevato non poche polemiche.