In Italia le mascherine hanno evitato 30.000 contagi: lo studio sulla prima ondata Covid

Alessandro Cipolla

26 Febbraio 2021 - 15:37

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Uno studio matematico coordinato dall’Università di Padova e pubblicato sulla rivista Infectious Diseases, ha calcolato che in Italia durante i mesi della prima ondata le mascherine sono state il principale fattore nell’arrestare la diffusione del Covid.

In Italia le mascherine hanno evitato 30.000 contagi: lo studio sulla prima ondata Covid

In Italia durante i mesi della prima ondata, quelli della primavera 2020, l’uso della mascherina da parte dei cittadini avrebbe evitato sul fronte Covid che si verificassero ulteriori 30.000 contagi.

Questo è il risultato di uno studio matematico, che di recente è stato pubblicato sulla rivista Infectious Diseases, condotto dall’Università di Padova e coordinato dal professore Morten Gram Pedersen.

Abbiamo osservato un’eccezionale corrispondenza tra il lockdown nazionale e il picco dell’epidemia a fine marzo - ha spiegato Gram Pedersen in merito alle mascherine - fatto che indica come questa misura abbia rappresentato il principale fattore nell’arrestare la diffusione del virus”.

Per realizzare il loro studio, i ricercatori spiega l’Ansa hanno utilizzato modelli matematici per confrontare i dati di otto Regioni, simili dal punto di vista demografico, che avevano adottato diverse misure di restrizione in aggiunta a quelle imposte a livello nazionale.

Diversi studi recenti sostengono l’uso delle mascherine e il nostro lavoro è in linea con altri condotti su scala regionale in Germania e Stati Uniti - hanno aggiunto gli studiosi - che correlano la diffusione dell’uso delle mascherine con una riduzione del contagio da Covid-19”.

Se durante il primo periodo del Covid le mascherine avrebbero impedito 30.000 ulteriori contagi, durante la seconda ondata il computo totale potrebbe essere ben maggiore visto l’obbligo, scattato a inizio ottobre 2020, di indossare i dispositivi di protezione anche all’aperto e non solo nei luoghi chiusi.

Argomenti

# Italia

Iscriviti alla newsletter

Money Stories