Germania, Merkel rifiuta il vaccino AstraZeneca

Mario D’Angelo

26/02/2021

26/02/2021 - 19:50

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Perché la cancelliera Angela Merkel ha rifiutato il vaccino AstraZeneca? Il motivo lo ha spiegato lei stessa.

Germania, Merkel rifiuta il vaccino AstraZeneca

Angela Merkel rifiuta il vaccino anti-Covid di AstraZeneca. La Germania, ha ammesso la stessa cancelliera, è uno dei Paesi con più No Vax. Perché, allora, proprio lei non ha dato l’esempio facendosi somministrare il vaccino? La motivazione l’ha spiegata lei stessa nel corso di un’intervista al quotidiano Frankfurter Allgemeine Zeitung.

La campagna vaccinale tedesca prosegue a singhiozzo, complici anche i ritardi nelle consegne dei fornitori che stanno colpendo anche altri Paesi d’Europa. Ma nel frattempo milioni di dosi AstraZeneca già consegnate rimangono inutilizzate nei frigoriferi dell’Unione.

Perché Merkel ha rifiutato il vaccino AstraZeneca

La cancelliera Merkel ha detto no a chi le chiedeva di andare contro le linee guida del Governo e ricevere, quindi, la dose del vaccino AstraZeneca. In Germania ci sono stati numerosi appelli alla leader tedesca di dare l’esempio a tutta quella parte della popolazione che nutre timori nei confronti del vaccino e, in particolare, di quello sviluppato dall’azienda anglo-svedese e da Oxford (in collaborazione anche con l’Irbm di Pomezia).

La Germania ha un tasso molto alto di popolazione scettica nei confronti dei vaccini. Il fronte dei No Vax è ampio e un recente sondaggio ha scoperto che oltre un terzo dei cittadini non ha intenzione di prendere il vaccino anti-Covid.

Non appartengo al gruppo d’età raccomandato per il vaccino AstraZeneca”, ha detto laconica Merkel parlando al Frankfurter Allgemeine Zeitung nel corso di un’intervista. Come altri Paesi, la Germania ha deciso di autorizzare le iniezioni del vaccino AstraZeneca soltanto a chi ha meno di 65 anni, e Merkel ne ha 66.

In Italia, fino a qualche giorno fa, era consentito l’uso dello stesso vaccino soltanto ai minori di 55 anni, mentre pochi giorni fa il Ministero della Salute ha approvato la somministrazione dai 65 anni in giù a patto che non ci siano patologie pregresse.

Il presidente francese Emmanuel Macron, che però è molto più giovane di Merkel, ha detto che avrebbe accettato una dose del vaccino AstraZeneca se gliene fosse stata offerta una.

In Europa milioni di dosi AstraZeneca rimangono inutilizzate.

La notizia del rifiuto di Merkel è parte di un grande problema: l’Europa non sta usando abbastanza dosi del vaccino AstraZeneca. La Germania è riuscita somministrare soltanto 240.000 delle 1,54 milioni di dosi a disposizione, ha scoperto un’inchiesta del Guardian.

Analizzando i dati dell’European Centre for Disease Prevention and Control e altre fonti ufficiali, il quotidiano britannico stima che in Ue quattro dosi su cinque del vaccino di Oxford sono rimaste in frigo.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO