Galli: “La crisi economica non uccide, il Covid sì”

Sposa la linea dura Massimo Galli, direttore del reparto Malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano: “Dobbiamo fermare la crescita dei contagi, tutto ciò che non è indispensabile è opportuno che venga ridimensionato”.

Galli: “La crisi economica non uccide, il Covid sì”

Ci risiamo. Con l’aumento dei contagi da coronavirus evidenziato dagli ultimi bollettini, in Italia si ripropone lo stesso “dualismo” che ha caratterizzato la prima ondata.

Da una parte la maggior parte di medici e scienziati che chiedono misure dure, dall’altra invece il mondo dell’economia duramente colpito dalla pandemia che trasale al solo sentire parlare di lockdown o misure simili.

In mezzo c’è poi il governo, che deve cercare di fronteggiare la crescita del contagio ma che è ben conscio come un nuovo lockdown sarebbe, economicamente parlando, una autentica mazzata a ogni speranza di ripresa.

In questa disputa che sarà il leitmotiv delle prossime settimane se non mesi, arriva chiaro il parere di Massimo Galli, direttore del reparto Malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, che nelle ultime ore ha rilasciato diverse interviste.

Non vedo morti di fame per le strade, ma morti di malattia negli ospedali - ha dichiarato Galli a Sky Tg24- Non credo arriveremo a 30 mila casi nel giro di qualche giorno, però questa settimana sarà difficile vedere un decremento di casi, perché quello che stiamo per vedere è già accaduto dal punto di vista dell’infezione”.

Galli tra crisi economica e morti Covid

Se Matteo Renzi a fine dello scorso marzo aveva evidenziato come “non dobbiamo morire di Covid, ma non possiamo morire di fame”, Massimo Galli ha un parere personale invece ben diverso.

Voglio tentare di essere ottimista, mi auguro sia sufficiente - ha spiegato il medico in merito all’ultimo DPCM - Se si guarda alle curve dei Paesi vicini si vede chiaramente che, spostando indietro le loro curve, coinciderebbero esattamente con le nostre, con un paio di settimane di intervallo”.

Intervenuto anche nel corso di una trasmissione all’interno del Tgcom24, Galli ha poi ribadito tutto il suo allarmismo sull’attuale situazione coronavirus in Italia: “Tutto ciò che non è indispensabile è opportuno che venga ridimensionato”.

Dobbiamo fermare questa crescita e lo dobbiamo fare in questi giorni. Il tempo è veramente poco” ha aggiunto il medico, auspicando un intervento immediato molto forte per evitare un nuovo lockdown.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories