Forza Nuova, giudice dà ragione a Facebook: giusto eliminare i profili

Il Tribunale di Roma ha stabilito che era legittima la scelta di Facebook di eliminare i profili social di chi istiga all’odio contro il diverso

Forza Nuova, giudice dà ragione a Facebook: giusto eliminare i profili

Le pagine social di Forza Nuova rimarranno cancellate. Il Tribunale di Roma, alla sezione per i diritti della persona e immigrazione, ha detto che era giusta la decisione di Facebook di oscurare gli account e le pagine del movimento di estrema destra. Forza Nuova dovrà quindi pagare le spese processuali al colosso di Mark Zuckerberg.

Forza Nuova, Tribunale: “Giusto cancellare i profili”

Il Tribunale di Roma ha di fatto respinto il ricorso del partito neofascista, che alla fine dell’anno scorso, aveva attaccato Facebook per la decisione di cancellare le pagine social. Forza Nuova aveva argomentato citando l’articolo 21 della Costituzione sulla libertà di pensiero.

La giudice Silvia Albano, che ha emesso la sentenza, ha ritenuto legittima anche la scelta di cancellare gli account di molti militanti della medesima organizzazione.

L’eliminazione delle pagine Facebook e Instagram di Forza Nuova faceva parte di uno sforzo del social network di Zuckerberg per colpire “le persone e le organizzazioni che diffondono odio o attaccano gli altri sulla base di chi sono”.

La misura era stata adottata nel corso di settembre 2019. Così spiegava allora il social: “Candidati e partiti politici, così come tutti gli individui e le organizzazioni presenti su Facebook e Instagram, devono rispettare queste regole, indipendentemente dalla loro ideologia”. Gli account che erano stati sospesi o cancellati avevano quindi “violato questa policy”.

La colpa principale degli account di Forza Nuova è quella di avere “una marcata natura negazionista”. “La maggior parte del contenuto e il tono generale dell’opera del ricorrente” contrastano quindi con i valori di giustizia e pace, citati nella Convenzione Europea dei diritti dell’uomo.

Forza Nuova aveva guadagnato una temporanea vittoria il 12 dicembre dell’anno scorso, quando il tribunale civile di Roma aveva obbligato il social network a reintegrare le pagine e a pagare a Forza Nuova 800 euro per ogni giorno di ritardo nella riattivazione degli account.

Iscriviti alla newsletter Notizie e Approfondimenti

Argomenti:

Facebook, Inc.

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.