Fiducia nei leader politici: crolla Salvini, bene solo Conte e Meloni

L’istituto Euromedia rileva a gugno 2020 una grande crescita di fiducia da parte degli italiani nel Premier Conte, bene anche la Meloni. Precipita Salvini ma Di Maio e Berlusconi non vanno molto meglio.

Fiducia nei leader politici: crolla Salvini, bene solo Conte e Meloni

Cosa è cambiato in un anno nella percezione degli italiani con riferimento ai leader politici? I sondaggi Euromedia di Alessandra Ghisleri raccontano che il leader della Lega Salvini si è schiantato rispetto a giugno 2019, ma è in buona compagnia. Se il governo Conte perde qualcosa in gradimento, in quanto a fiducia come persona delle istituzioni, il Premier Conte vola.

La fiducia nei leader: Salvini cede la leadership a Conte, sorride anche la Meloni

Situazione completamente capovolta: questo è ciò che dicono i sondaggi Euromedia con le rilevazioni di giugno 2020, vedremo in seguito come anche le intenzioni di voto sono nettamente cambiate.

Il presidente del consiglio Giuseppe Conte è il capofila nella classifica della fiducia nei leader politici con il 43,4%, in 12 mesi ha guadagnato il 5,5%. Lo segue Matteo Salvini con il 34,7%, addirittura in calo del 12,1%, saldamente secondo ma cedendo un complessivo 17,6% nei confronti del Premier con cui è in forte contrasto sin da quando ha fatto cadere il governo gialloverde Lega-M5S.

Al terzo posto si piazza sale Giorgia Meloni con il 24,1%, in crescita del 2,5%, l’unica leader a guadagnare consensi, Conte a parte. Quasi appaiati Luigi Di Maio e Silvio Berlusconi, rispettivamente al 20,8% e al 20,6%. Il leader di Forza Italia ha perso il 4,7%, peggio è andata all’ex leader del M5S e attuale Ministro agli affari esteri che registra un calo del 6,4%.

Il segretario del PD Nicola Zingaretti scende del 2,6% e si attesta al 18,1% in sesta posizione. Chiude la classifica della fiducia nei leader sondati da Alessandra Ghisleri il leader di Italia Viva Matteo Renzi al 9,6% e con un pesante ribasso del 5,8%. Da segnalare l’indice di gradimento del governo Conte che perde l’1% scendendo al 34,2%.

Le intenzioni di voto: Lega in forte calo, Fratelli d’Italia in grande ascesa

Nelle Elezioni Europee 2019, la Lega dominava lo scenario politico italiano con il 34,3% dei consensi, a distanza di un anno il partito di Salvini resta saldamente in testa ma con il 24,7%, in calo del 9,6%. Il PD rimane al secondo posto, recupera il 6,6% alla Lega ma perde il 3,0% in 12 mesi.

Il Movimento 5 Stelle resta sul podio con il 15,5% dei consensi, perde l’1,6% rispetto alle Europee 2019 e si attesta al 15,5%. Alle sue spalle Fratelli d’Italia al 13,4% che ha poco più che raddoppiato i suoi voti, facendo registrare una crescita del 6,9%. Dai dati appare evidente come il partito della Meloni abbia soffiato molti voti alla Lega.

Forza Italia è la quinta forza politica con il 7,9%, in discesa dello 0,9% in 12 mesi. Azione di Carlo Calenda è al 3,7%, davanti a Italia Viva che vale il 3,3%, entrambi i partiti non erano presenti alle Europee 2019.

Un anno fa, Sinistra Italiana+MDP Art.1 valeva l’1,7%, adesso SI è stimata all1,8% e MDP Art.1 all’1,1%, il totale è 2,9% (+1,2%). Più Europa all’1,8% perde l’1,3%, giù anche i Verdi all’1,5%, in calo dello 0,8%. Cambiamo! di Giovanni Toti 0,8%, assente 1 anno fa.

Il totale dell’Area di governo (PD, M5S, IV, SI, MDP) vale il 41,4% (-0,1%). Scende anche l’area di opposizione di centrodestra (Lega, FI, FDI, Cambiamo!) al 46,8% (-2,8%). Altri 4,8% (+1,3%); indecisi al 39,1%.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories