Elezioni Polonia: Duda in difficoltà nei sondaggi si scaglia contro le adozioni gay

Domenica 12 luglio ci sarà il ballottaggio per le elezioni presidenziali in Polonia. Il sovranista Duda, con un solo punto di vantaggio sull’europeista Trzaskowski secondo i sondaggi, si è schierato contro le adozioni gay e l’UE per essere rieletto.

Elezioni Polonia: Duda in difficoltà nei sondaggi si scaglia contro le adozioni gay

Domenica 12 luglio si terrà il ballottaggio in Polonia per le elezioni presidenziali. I due contendenti alla carica sono Andrzej Duda, presidente uscente ed esponente di Diritto e Giustizia e Rafał Trzaskowski, candidato della Coalizione Civica più progressista ed europeista.

A quanto viene riportato dagli ultimi sondaggi la sfida tra Duda e Trzaskowski sarà all’ultimo voto. Infatti, con il 50,5% delle preferenze, il primo staccherebbe il secondo di un solo punto percentuale, nonostante fosse stato indicato da tutti gli osservatori come il grande favorito alla vigilia.

Proprio a causa di questa incertezza, l’attuale capo di Stato polacco sta utilizzando questi ultimi giorni precedenti al ballottaggio per indirizzare ancora più a destra le politiche dell’esecutivo, allo scopo di serrare ulteriormente le fila del proprio elettorato.

Infatti, sia Duda che Trzaskowski appartengono ad un’area di centrodestra, ma con una vocazione opposta per quanto riguarda sia il rapporto con l’Europa che il riconoscimento dei diritti civili.

Andrzej Duda contro adozioni gay e Unione Europea

Fondato nel 2001 dai gemelli Kaczyński, il partito Diritto e Giustizia a cui appartiene Andrzej Duda ha una visione politica sovranista e nazionalista, che ha portato in più di un’occasione la Polonia a scontrarsi apertamente con le istituzioni dell’UE e con altri stati europei.

Proprio negli ultimi giorni, il leader sovranista ha convocato l’ambasciatore della Germania. Nell’incontro è stato intimato al diplomatico di non permettere ad alcun quotidiano diffuso sul territorio polacco, ma di cui gli editori siano tedeschi, di pubblicare articoli critici sul conto dell’attuale presidente.

Nello stesso periodo, Duda ha presentato una nuova proposta che mira a vietare le adozioni per i gay. Per radicalizzare la sua posizione e quella del partito nei confronti dei diritti degli omosessuali, ha qualificato queste come “una forma di schiavitù dalla quale difendere i bambini”.

Inoltre, ha promesso ai propri elettori di vietare tutti quei “contenuti che possano deviare e corrompere moralmente i nostri ragazzi

Rafał Trzaskowski, chi è il leader europeista della Coalizione Civica?

Neanche Rafał Trzaskowski è favorevole all’adozione da parte delle coppie dello stesso sesso. Al contrario del suo avversario però, durante il suo mandato da sindaco di Varsavia, ha firmato un documento della comunità LGBT+ contro le discriminazioni di stampo omofobo.

La coalizione che appoggia il primo cittadino della capitale polacca è composta dai seguenti partiti: Piattaforma Civica, Moderno, Iniziativa Polacca e il Partito Verde. Nonostante queste forze si collocano dal centrodestra al centrosinistra, tutte e quattro hanno una vocazione fortemente europeista.

Chi guarderà a questo ballottaggio con grande interesse sono le istituzioni e i diversi paesi europei. Infatti, con la vittoria di Duda tutti i piani economici a sostegno di una maggiore integrazione europea, come il Recovery Fund, avrebbero più difficoltà ad essere approvati.

Mentre, in caso del successo elettorale di Trzaskowski, si potrebbe intaccare il blocco euro scettico di Visegrad, formato oltre che dalla Polonia da Slovacchia, Repubblica Ceca e Ungheria.

Argomenti:

Polonia Sondaggi

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO

1268 voti

VOTA ORA