Detrazione pensione 2022: guida al calcolo

Simone Micocci

22/12/2021

22/12/2021 - 12:20

condividi

La riforma del Fisco riforma le detrazioni sul reddito da pensione: nuova tax area, ecco le formule utili per calcolare quanto spetta.

Detrazione pensione 2022: guida al calcolo

Nel 2022 cambia la misura delle detrazioni per il reddito da pensione. Lo prevede il maxi emendamento alla Legge di Bilancio 2022 presentato dal Governo e approvato dal Senato, lo stesso con il quale viene descritta nel dettaglio la riforma fiscale che partirà dal 1° gennaio prossimo.

Le conseguenze per i redditi da pensione sono diverse e molto positive: i pensionati, infatti, gioveranno della revisione delle aliquote IRPEF così come della riforma delle detrazioni spettanti.

Oltre a rivedere scaglioni e aliquote IRPEF, infatti, il Governo ha scelto di riorganizzare il complesso delle detrazioni previste per redditi da pensione, lavoro dipendente e autonomo, modificando le attuali regole per il calcolo e per la definizione della no tax area, ossia quella soglia di reddito entro la quale non si pagano tasse sulla pensione e dove quindi l’importo lordo coincide con il netto.

A tal proposito, vediamo come fare per calcolare le detrazioni per il reddito da pensione, specialmente quando si è sopra la no tax area e quindi bisogna applicare un’apposita formula.

Redditi da pensione: nuova detrazione e modifica alla no tax area

Fino a oggi per i redditi annui fino a 8.000,00€ spetta una detrazione di 1.880,00€ sufficiente per azzerare le tasse dovute. Ciò significa che pensione netta e lorda coincidono quando quest’ultima è sotto la suddetta soglia.

Al di sopra, invece, per il calcolo della detrazione spettante fino al 2021 bisogna applicare delle formule di calcolo, ossia:

  • per i redditi compresi nella fascia che va dagli 8.001,00€ ai 15.000,00€, la detrazione si calcola utilizzando la seguente formula: 1.297 + [583 x (15.000 - RC)/7.000], dove RC sta per il reddito lordo percepito;
  • per i redditi compresi nella fascia che va dagli 15.001,00€ ai 55.000,00€, invece, la detrazione si calcola utilizzando la seguente formula: 1.297 x (55.000 - RC)/40.000].

Sopra i 55.000,00€ di pensione annua lorda, invece, non si ha diritto ad alcuna detrazione.

Ebbene, la Legge di Bilancio 2022 interviene per modificare ed estendere la no tax area, con conseguenze anche per i redditi da pensione medio-alti. Nel dettaglio, nel testo del maxi emendamento alla manovra si legge che spetta una detrazione di 1.955,00€ se il reddito complessivo non supera gli 8.500,00€ (nuova no tax area). Inoltre, viene stabilito che la detrazione minima spettante in questo caso non può essere inferiore ai 713,00€.

Detrazioni pensione sopra la no tax area: come si calcolano, le formule

L’estensione della no tax area per le pensioni ha conseguenze positive anche per i redditi che superano questa soglia.

Nel dettaglio, la nuova formula da utilizzare per calcolare la detrazione spettante in base al reddito è la seguente per i redditi che superano gli 8.500,00€, ma sono comunque dentro la soglia dei 28.000,00€:

700+(1.955-700)*[(28.000-RC)/(28.000-8.500)]

Prendiamo come esempio un reddito di 20.000,00€. Questo con il sistema attuale avrebbe diritto a una detrazione di circa 1.135€, mentre grazie alla riforma questa sale a 1.214,50€.

Nel caso dei redditi sopra i 28.000,00€, ma sotto i 50.000,00€, invece, la formula per il calcolo della detrazione spettante è la seguente:

700*[(50.000-RC)/(50.000-28.000)]

Prendiamo, dunque, come esempio un reddito di 30.000,00€. Con l’attuale sistema la detrazione spettante è pari a 810,62€, mentre con la nuova formula è più bassa, perché pari a 636,36€. Va detto, però, che per chi è in questa fascia di reddito vi sono maggiori vantaggi derivanti dalla revisione delle aliquote IRPEF ed è per questo che la detrazione è più bassa rispetto a quella attualmente prevista.

Sopra i 50.000,00€, invece, non spettano detrazioni (non più, quindi, sopra i 55.000,00€).

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Argomenti

# IRPEF

Iscriviti a Money.it